Incidente nel cantiere navale della Ustica Lines a Trapani, muore operaio palermitano

La vittima è Michele Di Lorenzo, 37 anni. L'uomo, secondo una prima ricostruzione, è caduto da una impalcatura facendo un volo di circa tre metri. La Procura ha aperto un'inchiesta

Un traghetto Ustica Lines nel porto di Trapani - Foto d'archivio

Tragedia sul lavoro stamattina a Trapani. Nell'incidente, avvenuto nel cantiere navale della Ustica Lines è morto un operaio palermitano. Si tratta di Michele Di Lorenzo, 37 anni. L'uomo, secondo una prima ricostruzione, sarebbe caduto da un'impalcatura facendo un volo di circa tre metri mentre era impegnato nella manutenzione di un aliscafo.

La vittima, dipendente di una ditta esterna, sarebbe stata soccorsa immediatamente e trasportata in ospedale, ma è deceduta subito dopo il ricovero. La Procura ha aperto un'inchiesta. Sul corpo della vittima sarà effettuata l'autopsia. Sul luogo dell'accaduto, i carabinieri che stanno cercando di ricostruire l'accaduto.

Solo poco più di un mese fa un altro operaio, Santo Parisi, di Terrasini, è morto mentre stava lavorando a bordo di una nave nel porto di Messina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

Torna su
PalermoToday è in caricamento