Miccoli: "Quel fango di Falcone", il capitano indagato per estorsione

Il "Romario del Salento" sarebbe responsabile di aver chiesto a Lauricella junior di recuperare per lui delle somme di denaro. Intercettato mentre diceva "Vediamoci davanti all'albero di quel fango di Falcone". Ingroia: "Ha il cervello nei piedi"

Miccoli con Mauro Lauricella, figlio del boss Antonio

Un Fabrizio Miccoli come non l'avremmo mai immaginato. Il capitano rosanero ha ricevuto un avviso di garanzia dalla procura di Palermo: l'accusa è di estorsione. Secondo le prime informazioni - come riporta La Repubblica - il "Romario del Salento" avrebbe commissionato al figlio del boss mafioso Antonio Lauricella, il suo amico Mauro, il recupero di alcune somme di denaro. "Quel fango di Falcone": queste le parole cantate dai due a bordo di un auto ed intercettate dagli investigatori.

LEGGI ANCHE: "RADIATE MICCOLI", NASCE GRUPPO SU FACEBOOK

Ma quella in auto non è l'unica frase intercettata e che vede Miccoli pronunciare delle parole in contrasto con il passato, quando l'ex capitano partecipava alle partite del cuore, dedicando i propri gol a Falcone e Borsellino. "Vediamoci davanti all'albero di quel fango di Falcone", così i due si sarebbero dati appuntamento con un altro amico. L'intercettazione è stata possibile dopo che, due anni fa, gli investigatori misero sotto controllo il telefono di Mauro, con l'intento di carpire informazioni utili per risalire al padre latitante, considerato il "re della Kalsa", catturato nel 2011.

I magistrati contestano all'ex bomber rosanero l'accesso abusivo ad un sistema informatico: secondo le prime ricostruzioni, il numero 10 avrebbe convinto il gestore di un centro Tim a fornirgli quattro schede, intestate a suoi clienti, una delle quali era finita proprio nelle mani di Lauricella junior. A ciò si aggiunge la relazione oscura con Francesco Guttadauro, anche lui incensurato, nipote del superlatitante Matteo Messina Denaro e figlio di Filippo, il messaggero dei pizzini con cui comunicavano il boss ricercato e l'ex padrino di "Cosa nostra".

REAZIONI. L'ex pm della Procura di Palermo e leader di Azione civile Antonio Ingroia commenta: “Do una sola spiegazione alle dichiarazioni vaneggianti di Fabrizio Miccoli su Falcone, evidentemente ha il cervello nei piedi e non nella testa”. E agiunge: “Voglio sperare che il suo sia stato soltanto un gesto goliardico di pessimo gusto e che Miccoli non sapesse ciò che diceva, ma ho il sospetto, viste le indagini che lo stanno interessando, che invece sia entrato dentro alcuni meccanismi da cui ognuno farebbe bene a stare alla larga, soprattutto se grazie al suo lavoro di calciatore, è considerato un esempio per tanti giovani. Sono sicuro che il presidente Zamparini, sempre attento ai problemi della legalità, saprà prendere i provvedimenti più idonei".

Commentando l'episodio, il sindaco Leoluca Orlando ha dichiarato: "Chi utilizza certe espressioni dovrebbe chiedersi, come io chiedo, se sia mai stato degno di rappresentare la città di Palermo".

"Fabrizio Miccoli va radiato". Così il ministro della Funzione pubblica Gianpiero D'Alia commenta duramente le "vergognose" parole dell'ex capitano del Palermo su Giovanni Falcone. "Miccoli non può continuare a giocare perché ha tradito la fiducia di migliaia di tifosi che in lui, capitano del Palermo, hanno visto un esempio in cui identificarsi", aggiunge. "Per questa ragione, chiediamo alla Figc di intervenire pesantemente e di valutare la sua radiazione", conclude.

Il deputato regionale del Pd Antonello Cracolici scrive su twitter: "Ho atteso una precisazione da parte di Miccoli. Il suo silenzio é sconcertante. Vada via da Palermo con l'ignominia di tutti i palermitani".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di peppe
    peppe

    Faccio bene a non seguire il calcio........ Che schifo essere nato in Italia e non avere la possibilità di andarmene da questo letamaio...

  • Avatar anonimo di FRANCESCO
    FRANCESCO

    miccoli sei una schifezza di uomo

  • Avatar anonimo di vincenzo
    vincenzo

    Possiamo ben dire che quel fango di miccoli deve andare via da Palermo o forse meglio dalla Sicilia.

  • Avatar anonimo di Massimo
    Massimo

    Palermitani io da leccese vi amo!!Persone forti di carattere,si nota come rimanete freddi senza esprimere commenti a sproposito come invece fanno su lecceprima!!Bravi aspettate la conclusione delle indagini Prima di emettere sentenze a vanvera!!La Sicillia si che e' una bella Terra calda e di rispetto,purtroppo il Salento,solo Lecce e' macchiato da molti paesani ignoranti del profondo sud(capo di leuca-maglie-Otranto) che con i loro stupidi commenti infangano da dietro la tastiera il nome delle persone!!Forza Palermo...e tanti saluti

  • Avatar anonimo di marco
    marco

    miccoli, sei solo un ignorante senza valori come i tuoi amici mafiosi,sei gradito solo a loro

  • Avatar anonimo di Ranieri
    Ranieri

    E' interessante che ancora non ci siano commenti.. una frase del genere detta da un altro sarebbe stata additata come bestemmia a San Pietro, ma forse se la stessa frase si accompagna con il nome di Miccoli, tanti palermitani non se la sentono di prendere una posizione. Miccoli si sta rivelando per quello che è, e non solo per quest'ultima frase, ma anche per le precendenti azioni commesse a favore (o presunto favore) di "amici"...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Aggredita mentre corre in Favorita: "Voleva trascinarmi tra i cespugli e violentarmi"

  • Politica

    Periferie dimenticate, Orlando furioso: "Così lo Stato penalizza i più deboli"

  • Cronaca

    Statale Palermo-Agrigento, il viadotto Scorciavacche riaprirà entro marzo

  • Cronaca

    Violenza tra i banchi, tredicenne autistico picchiato a scuola da un compagno

I più letti della settimana

  • Il giorno di Papa Francesco: "Non si può essere mafiosi e credere in Dio"

  • Morto il boss Salvatore Profeta, per lui alla Guadagna si fermava perfino la Madonna

  • "Minchia" diventa luminaria in via Alloro, è polemica: "Quanto è stata pagata?"

  • "Da Palermo a Ragusa in 20 minuti": treno superveloce, il primo progetto è in Sicilia

  • Aggredita mentre corre in Favorita: "Voleva trascinarmi tra i cespugli e violentarmi"

  • Ruba Jeep al Villaggio, viene inseguito dai carabinieri e si lancia dall'auto in corsa: preso

Torna su
PalermoToday è in caricamento