Domanda presentata in ritardo, neurologo escluso e riammesso (con riserva) dal Cga

Un medico sessantenne si era candidato per un posto da ordinario nel Dipartimento di biomedicina andando però oltre i termini. Gli avvocati hanno dimostrato però che il giorno precedente alla scadenza c'era stato un problema al server

La sede del Consiglio di giustizia amministrativa di Palermo

Neurologo escluso da una selezione come professore universitario di prima fascia per un ritardo dovuto a un guasto ai server e riammesso dopo un’ordinanza del Consiglio di giustizia amministrativa. I giudici del Cga amministrativa hanno accolto il ricorso presentato da un medico contro l’università di Palermo che si era visto chiudere le porte in faccia dopo aver presentato per via telematica, come previsto dalla procedura, la domanda di partecipazione per il Dipartimento di biomedicina, neuroscienze e diagnostica avanzata del Policlinico.

Il neurologo sessantenne si era in un primo momento rivolto al Tar presentando un ricorso e chiedendo la sospensione dell’efficacia del decreto tramite cui veniva disposta l’esclusione del ricorrente. Il professionista però non si è arreso e si è rivolto agli avvocati Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia sostenendo che il lieve ritardo nella presentazione della domanda non fosse a lui imputabile bensì a problema tecnico.

“Hanno allegato al ricorso specifica documentazione - ricostruiscono i legali - idonea a dimostrare che nel giorno di presentazione della domanda si fosse verificato un disservizio che ha riguardato ‘l’infrastruttura di rete’ e hanno, altresì, prodotto documentazione dalla quale emerge che, proprio nell’orario in cui tale disservizio si è verificato, l’Università degli studi di Palermo non avesse ricevuto telematicamente alcun documento e alcuna Pec”.

Al ricorso gli avvocati hanno citato alcuni precedenti giurisprudenziali secondo i quali è da considerarsi “illegittima l’esclusione da un concorso ove la non corretta presentazione della domanda di partecipazione sia imputabile al malfunzionamento del sistema informatico”. Dopo l’analisi della documentazione prodotta il Cga (presidente Claudio Contessa, relatore Antonino Caleca) ha accolto oggi la domanda cautelare disponendo nelle more del giudizio di merito l’ammissione con riserva del neurologo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Francesco Benigno in tv: "Mio padre mi legava con le catene, ho dormito dappertutto"

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento