Dottorando senza borsa premiato da Barilla: ha “scoperto” il mattone fotovoltaico

Il giovane ingegnere Marco Morini, palermitano di 25 anni, dottorando senza borsa in Architettura dell'Ateneo e unico rappresentante maschile al concorso "Barilla per i Giovani" ha vinto un assegno da 40 mila euro per continuare i suoi studi

L'ingegnere Marco Morini

Si è aggiudicato una delle 10 borse di studio, del valore di 40.000 euro, messe in palio da Barilla. Lui è il giovane ingegnere Marco Morini, palermitano di 25 anni, dottorando senza borsa in Architettura dell’Ateneo e unico rappresentante maschile al concorso “Barilla per i Giovani. L’idea di un "mattone fotovoltaico” in vetro, che potrebbe sostituire i normali materiali edili per costruire edifici sostenibili e autonomi dal punto di vista energetico è correlata allo spin-off accademico “SBskin”, fondato dalla prof.ssa Rossella Corrao con Luisa Pastore e dallo stesso Morini e incubato all’interno del Consorzio Arca. Una grossa soddisfazione, se si tiene conto del fatto che le idee inviate sono state più di 400.

"L'idea – spiega lo stesso Morini - è nata con la mia tesi di laurea in Ingegneria Edile-Architettura, continuando un lavoro di ricerca sul vetromattone, coordinato dalla mia relatrice, la Professoressa Rossella Corrao dell’Università di Palermo. Insieme all’ingegnere Luisa Pastore, abbiamo sviluppato pannelli innovativi e multifunzionali in vetromattone per la costruzione di facciate e coperture di edifici in grado di produrre energia dal sole, raggiungere elevati valori di isolamento termico e, allo stesso tempo, abbattere i costi di costruzione degli edifici”.

Con questi soldi, Morini potrà completare la propria formazione e contribuire all’ulteriore sviluppo di SBSkin. “Li spenderò per portare avanti il nostro progetto – dichiara Morini - visto che i fondi universitari sono sempre pochi, e per partecipare a conferenze e congressi di aggiornamento. Finalmente non dovrò più chiedere una mano ai miei”. Oltre alla soddisfazione personale, questa vittoria rappresenta un grande riconoscimento per tutti e tre i fondatori di SBSkin, una giovane startup che continua a fare incetta di premi.

“L’obiettivo – continua Morini che ora si trova in Danimarca per motivi di studio - è quello di ottimizzare le prestazioni energetiche degli edifici che, a causa degli elevati consumi elettrici, sono i maggiori responsabili delle emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera, e renderli in grado di produrre energia pulita. Tutto questo, però, senza tralasciare un aspetto fondamentale: la qualità estetica. Troppo spesso il fotovoltaico viene considerato una tecnologia brutta e da aggiungere a posteriori a un edificio, noi pensiamo invece possa essere integrato in maniera intelligente e “attraente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il catering allo stadio per l'Italia, poi lo schianto mortale: il bar Rosanero piange il suo chef

  • Incidente in zona Fiera, perde il controllo della moto e cade: morto 43enne

  • Via Ugo La Malfa, esplode pneumatico: morto gommista di 18 anni

  • Palmese-Palermo, rissa furibonda tra tifosi rosanero: ci sono feriti

  • Truffe, droga e rapine: i boss di Brancaccio facevano spaccare le ossa ai disperati, 9 arresti

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Palermo dove trovare sconti e fare affari

Torna su
PalermoToday è in caricamento