Marchesini, Ugl : “Palermo invivibile? Occorrono politiche di rigenerazione urbana”

ll sindacato, guidato dal segretario generale provinciale Claudio Marchesini, contesta fortemente l'immobilismo del Comune in materia di mobilità urbana e attività produttive

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"L'Ugl ha sempre evitato giudizi frettolosi e approssimativi riguardanti l'amministrazione comunale in carica ma , a due anni di distanza dall'insediamento del sindaco Orlando , è possibile affermare senza dubbi che, almeno su due fronti , il governo della città è fallimentare: viabilità urbana e attività produttive sono l'emblema dell'inefficacia e dell'inadeguatezza della giunta in carica ": è quanto si legge in una dura nota siglata da Claudio Marchesini, segretario generale provinciale dell'Ugl di Palermo, che punta il dito contro "l'assenza di politiche legate ai temi della vivibilità e del rilancio del commercio, messo in ginocchio dall'assurda vicenda dei gazebo".

Nello specifico, Marchesini sottolinea "i livelli insostenibili del traffico nell'area portuale, da piazza Marina fino all'Ucciardone, con il conseguente danno d'immagine presso i turisti che transitano nella zona e le code interminabili di auto che ostacolano i lavoratori " , suggerendo, sia in via Crispi che in viale Regione Siciliana, l'impiego nelle ore notturne degli operai impegnati negli interventi di scarificazione.

"In tal modo - spiega il segretario - si ridarebbe ossigeno alle buste paga dei lavoratori grazie all'incremento dello stipendio dovuto agli straordinari, e si tutelerebbero dall'inquinamento gli stessi operai, oltre che i cittadini". L'Ugl stigmatizza inoltre l'assenza di misure per contrastare "il declino commerciale di una città il cui patrimonio enogastronomico potrebbe essere uno sbocco occupazionale importante, ma che viene mortificato dall'incapacità di esitare regolamenti ragionevoli come nel caso della mancata definizione del regolamento inerente i dehors".

"Il sindacato - conclude Marchesini - attende insieme ai cittadini l'adozione di provvedimenti urgenti che vadano nella direzione della rigenerazione urbana, a partire dalla tutela dell'ambiente fino alla ripresa generale dell'economia"

Torna su
PalermoToday è in caricamento