Marciapiedi a pezzi, il M5S punta il dito contro la Rap: "Il 70% non verrà rifatto"

La denuncia arriva dal consigliere comunale Antonino Randazzo, che rende i dati sulla manutenzione stradale forniti dalla azienda di piazzetta Cairoli: solo 30mila metri quadri fanno parte del programma di ripristino. "Città degradata rischia di sprofondare fra rifiuti e buche"

Un marciapiede dissestato (foto archivio)

"Il 70% dei marciapiedi ammalorati non sarà rifatto". Lo denuncia il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Antonino Randazzo, che rende i dati sulla manutenzione stradale forniti dalla Rap. Per il 2018 i marciapiedi dissestati risulterebbero circa 100mila metri quadri e di questi, da contratto, solo 30mila fanno parte del programma di ripristino.

Non che negli scorsi anni la manutenzione sia stata delle migliori. Anzi. Nel periodo che va da agosto 2016 a dicembre 2017, sui 42.500 metri quadri progressivi di manutenzione dei marciapiedi previsti, quelli realmente realizzati sono stati 3.695 metri quadri, pari a quasi al 9%. Per la manutenzione strade, invece, su 566.667 metri quadri previsti, è stata effettuata manutenzione per 193.152 metri quadri della rete viaria, pari al 34% del programma di ripristino.

argiroffi-randazzo-2"Siamo davanti ad una sostanziale incapacità della Rap nel realizzare quanto programmato in materia di manutenzione strade - affermano i consiglieri M5S, Antonino Randazzo, Concetta Amella e Giulia Argiroffi -. Questa inefficienza sarà oggetto di analisi approfondita in sede di rinnovo del contratto, in scadenza il prossimo anno. Il fallimento dell’amministrazione Orlando è sotto gli occhi di tutti: una situazione gravissima che ogni giorno mette letteralmente a repentaglio la vita dei cittadini e che consegna, purtroppo, un'immagine di una città degradata che rischia di sprofondare fra i rifiuti e le buche".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rincara la dose il capogruppo del M5S, Ugo Forello, che punta il dito anche sui danni economici che una cattiva manutenzione comporta: "L'incapacità di intervenire sulla manutenzione di strade e marciapiedi determina oltretutto la creazione di ingenti debiti fuori bilancio, tra i 5 e gli 8 milioni annui, generati da sentenze che riconoscono la responsabilità dell'ente per gli infortuni cagionati dal cattivo stato delle strade cittadine".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, prima vittima a Palermo: 55enne muore all'ospedale Civico

  • Un altro caso di Coronavirus fa tremare Comdata, donna positiva: "Ora la situazione è grave"

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Coronavirus, in Sicilia già venti morti: salgono a 846 i contagiati, 125 più di ieri

  • Incidente in via Basile, investito da un automobilista che scappa: morto 57enne

  • Coronavirus, furia Musumeci in tv: "La Sicilia è chiusa, da noi per avere dei diritti bisogna gridare"

Torna su
PalermoToday è in caricamento