Studenti in corteo per chiedere scuole sicure a Bagheria: "Stanchi di non ricevere risposte"

La manifestazione, organizzata dal coordinamento studentesco, vede in campo tutti e cinque gli istituti secondari del Comune. La studentessa Anna Fricano: "Continuiamo a fare lezione in strutture dichiarate non idonee, con il rischio che ci crollino addosso"

Manifestazione degli studenti a Bagheria per chiedere scuole sicure. Ad aprire il corteo, partito questa mattina da uno striscione con la scritta “Non emigrare, resta per lottare”, firmato dal coordinamento studentesco bagherese, che unisce gli alunni di tutte le scuole superiori del comune: il Liceo F. Scaduto, il Liceo G. D’Alessandro, l’I.T.E.T. Don Luigi Sturzo, l’Istituto d’arte Renato Guttuso e l’I.P.S. S. D’Acquisto.

"Da quando abbiamo deciso di organizzarci in coordinamento - dichiara Anna Fricano, studentessa del liceo scientifico D’Alessandro - abbiamo avuto modo di confrontarci sulle svariate problematiche di cui soffrono le scuole di Bagheria, cercando di raggruppare quelle condivise e trovare pratiche comuni per lottare contro questi problemi. Le problematiche sono davvero tante: l’ultimo taglio del governo alla scuola pubblica è di 100 milioni di euro, e mentre Salvini parla di sicurezza nelle scuole noi continuiamo a fare lezione in strutture dichiarate non idonee, con il rischio che ci crollino addosso; le entrate delle scuole sono sommerse dall’immondizia, e i riscaldamenti non saranno assicurati per tutti questo inverno. Non possiamo restare inermi di fronte a questi oltraggi al nostro diritto allo studio. Non subiremo più tutto ciò in silenzio, è ora di svegliarci e manifestare il nostro disappunto".

La situazione al liceo F. Scaduto è la più problematica in assoluto. "Uno dei due plessi - spiega Federico Di Leonardo, studente dello stesso liceo - è già stato dichiarato non idoneo alla nostra presenza e continuano a manifestarsi diversi problemi strutturali. Già un anno fa ci siamo mossi manifestando davanti al palazzo della Provincia, ma le promesse che ci sono state fatte si sono dimostrate parole al vento. Siamo stanchi di non ricevere risposte, noi non ci arrenderemo. Ci auguriamo avvenga una vera e propria rivolta popolare come in Francia; i francesi ci hanno dimostrato che la lotta paga. Il corteo di oggi é solo l’inizio della nostra lotta, non ci fermeremo a questo, vogliamo una scuola sicura ed è quello che otterremo". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto della questura di Palermo si suicida lanciandosi da un viadotto

  • Incidente stradale, morta a 42 anni ginecologa palermitana

  • Pestato durante una lite con la moglie, 41enne muore al Civico

  • Ferragosto tragico: si tuffa in mare e muore annegato ad Aspra

  • Papireto, tenta suicidio ma si schianta al piano di sotto: ferita una donna

  • Auchan, ruba 63 barattoli di pesto di pistacchio: arrestato

Torna su
PalermoToday è in caricamento