Gli studenti tornano in piazza: “Liberi di lottare contro il governo Renzi”

Universitari e liceali si sono dati appuntamento in piazza Verdi. Protestano contro la riforma varata dall'esecutivo: "Con la 'Buona Scuola' i presidi sono diventati manager e hanno come solo scopo quello di fare profitto"

Stamattina, gli studenti universitari e delle scuole superiori, sono tornati in piazza. Dopo essersi radunati in piazza Verdi, sono scesi in corteo per il diritto alla lotta e alla libertà d'espressione. Dietro uno striscione sul quale si legge la scritta “Liberi di lottare”, gli studenti palermitani hanno rivendicato la loro libertà di manifestare il proprio dissenso, poiché, in quanto giovani nati e cresciuti negli anni della crisi, sono testimoni oculari di un progressivo smantellamento di tutti quelli che fino a qualche tempo fa venivano in maniera indiscutibile definiti diritti fondamentali.

"Parliamo di un sistema di servizi pubblici - afferma Marco Guerrieri, studente di un istituto tecnico della città - che non funziona e sul quale le istituzioni non investono; del totale smantellamento del mondo del lavoro; della totale privatizzazione dell'università che sempre più diventa luogo di formazione per una élite benestante, che vive in uno stato di totale abbandono, al punto tale da poter essere definita davvero università delle macerie; parliamo di un mondo della scuola ormai totalmente aziendalizzato, in cui gli studenti si sono trasformati in forza lavoro gratuita, in cui i presidi si sono diventati manager di aziende che, come unico scopo, hanno quello di fare accumulare più profitto possibile alle aziende con cui collaborano e che stanno dentro le amministrazioni degli istituti superiori".

"Oggi il governo italiano è presieduto da Matteo Renzi, un premier tra i peggiori degli ultimi decenni - afferma Giulia Callari, studentessa di Scienze della Comunicazione - autore del Job's Act, della Buona Scuola, distruttore di tutti i servizi sociali e di tutti i diritti sul lavoro e sulla salute. Pochi giorni fa è giunto nella nostra città, invitato dal suo “ruffiano di corte”, nonché rettore dell'Università di Palermo, Fabrizio Micari, per inaugurare l'anno accademico. Come è di norma per la casta politica, egli ha utilizzando questo momento con l'unico fine di farsi propaganda senza minimamente accennare alle scuole e alle facoltà che crollano, ai migliaia di giovani che ogni anno abbandonano la nostra città". Secondo la studentessa, la risposta di Renzi alla protesta del 21 ottobre è stata la totale militarizzazione del centro storico. "Il governo nazionale - conclude Giulia Callari - che come i governi precedenti affama le fasce più deboli e smantella il welfare, ha volutamente portato avanti un livello repressivo in tutta Italia contro chi si oppone allo stato di cose presenti, attraverso cariche contro i manifestanti di ogni città. Ecco perché oggi siamo scesi in piazza, perché a tutto ciò bisogna dire basta, abbiamo il diritto e il dovere di migliorare la nostra condizione e lo stato di cose presenti che dall'alto e con violenza tentano costantemente di imporci".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento