Futuro ex Pip appeso a un filo, migliaia in strada: corteo da via Libertà alla Prefettura

Come annunciato dai sindacati prosegue la mobilitazione. Sono scaduti i 60 giorni concessi da una norma per transitare nell'ente regionale Resais. Miccichè: "Lavoriamo affinché loro e i dipendenti delle riserve naturali possano ricevere gli stipendi"

Il corteo in via Libertà - Foto inviata da Stefano Tumminello

Caos in centro per il corteo degli ex Pip. Per la terza giornata dello sciopero indetto dai sindacati in migliaia sono tornati in strada per protestare contro i mancati adempimenti della Regione che avrebbero dovuto garantire il contratto di lavoro e la regolarità nei pagamenti. Al centro delle loro preoccupazione l’ormai decorsa scadenza dei 60 giorni concessi da una norma per il passaggio nell’ente regionale Resais. Cui si aggiunge il problema dei pagamenti di novembre e dicembre a rischio per mancanza di fondi. I manifestanti, partiti dall’assessorato all’Economia di via Notarbartolo, sono diretti in Prefettura, attraversando tutta via Libertà, via Ruggero Settimo e infine via Cavour.

“I lavoratori non possono restare schiacciati fra due diverse norme come sta accadendo - dice il segretario generale della Fisascat Cisl Sicilia Mimma Calabrò - non è possibile continuare a giocare sulla loro pelle chiedendo a gente già stremata da decenni di precariato e maltrattata di fare un salto nel vuoto. I lavoratori non sono fastidiosi fardelli di cui disfarsi con stratagemmi inaccettabili”. In una circolare dell’assessorato al Lavoro veniva indicato il 26 novembre come termine ultimo se restare nello status di sussidiati o transitare nella Resais, ed entro luglio 2018 la Resais avrebbe dovuto avere l’elenco dei lavoratori da assumere, ma nulla è successo. Di mezzo l’impugnativa della legge da parte del Consiglio dei ministri e nessuna notizia prospettata dalle interlocuzioni con il governo centrale.

"Lavoro vero, non lavoro nero" | VIDEO

Il tema è stato oggetto di dibattito tra i banchi dell’Ars. “Il governo - scrive il presidente Gianfranco Miccichè - ha inviato la legge di variazione di bilancio tardivamente a causa dell’intoppo con la Corte dei Conti. La legge prevede che le variazioni debbano essere approvate entro il 30 novembre, ma essendo i tempi troppo stretti ho chiesto alle opposizioni di essere collaborative, cercando di comprimere il dibattito nelle commissioni. Ho stigmatizzato l’atteggiamento del governo – ha aggiunto il presidente – ma non ho deciso alcunché, se non dopo aver sottoposto il problema alla conferenza dei capigruppo. Sia il Pd che i 5 Stelle hanno votato contro la mia proposta ma senza clamore, cosa che invece hanno fatto in aula”.

“In ogni caso - ha continuato Miccichè - il mio atteggiamento è stato lineare. Se si fosse trattato di un ddl qualsiasi non avrei certamente forzato i tempi regolamentari. Trattandosi però delle variazioni di bilancio, cioè norme che permettono di stanziare le risorse necessarie per gli stipendi di 4 mila persone, che non possono essere lasciate senza soldi sotto Natale, sono sicuro di avere adottato la migliore soluzione, nonostante l’opposizione abbia votato contro. Continuo a ritenere il mio comportamento corretto, equilibrato e lineare, affinché l’Assemblea - conculca - possa andare avanti e consentire ai Pip, ai dipendenti della Resais e a quelli delle riserve naturali di ricevere gli stipendi”.

"Non si può andare avanti così. Si trovi subito una soluzione al problema - dice Vincenzo Figuccia, deputato dell'Udc all'Ars e leader del Movimento Cambiamo la Sicilia che prosegue - Il Parlamento ha approvato una legge che prevede il transito degli ex pip in Resais e adesso a quella legge bisogna dare attuazione. Adesso basta, si liberino le persone da questa condizione di lavoro nero".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Avatar anonimo di Giuseppe
    Giuseppe

    E impossibile che vengano assunti a tempo indeterminato  non possono pretendete il posto fisso senza aver vinto un concorso pubblico 

  • Assumere disoccupati "PIP" anche "pregiudicati" o "invalidi" che siano, senza avere acquisito titoli culturali e/o professionali, con regolare attestato Statale o Regionale prima dell'assunzione (parliamo prima del 2010) non possono, in nessun modo essere assunti presso la Pubblica Amministrazione, di conseguenza anche li LSU stabilizzati dal Comune di Palermo prima del 2017 sono nello stesso modo senza titoli di accesso. Non essendo vincitori di concorso Pubblico come da bando nella G.U R.S. alla data antecedente il 1998, con regolare concorso con prova scritta da "Tema, Test Psico attitudinale, Prova Orale e prova pratica dove è necessario " con un voto almeno superiore al 6 (sei) per ogni prova di esame, purtroppo questi PIP non possono accedere alla richiesta di Assunzione. Tranne per quei PIP che risultano Vincitori inseriti in graduatoria antecedente al 1998, o Professionisti con regolare Partita Iva antecedente al 1998, dove hanno superato l'esame di abilitazione alla Professione. Solo in questo caso. Per tutti o tutto il resto, rimboccatevi le maniche e andate a zappare.

    • Condivido pienamente il suo parere. Però stia a vedere come fra un po' arriva il politico di turno che deve allargare il suo bacino di voti e li porta dentro la Regione ad imboscarsi. Infatti hanno sostituito i concorsi con la stabilizzazione di pip, lsu, ecc.!

  • Avatar anonimo di Franco
    Franco

    Assumere a chiamata? A Palermo si può. Assumere pregiudicati a chiamata lasciando a piedi chi ha titoli? A Palermo si può. Un modo concreto anche per aiutare i parenti dei detenuti...un assunzione tramite "concorso esterno"...a PALERMO SI PUO'!! La Magistratura? Corte dei Conti? tutto tace...

  • Ogni ente locale ha i suoi carrozzoni... tagliate!

    • Avatar anonimo di David
      David

      E più che corretto che anche queste famiglie abbiano una sicurezza economica ma impieghiamo per servizi utili alla comunità e non a imboscarli dentro gli uffici 

      • Il concetto, in astratto, è giustissimo; è in concreto che lo comprendo meno... cosa vorrebbe dire esattamente

        E più che corretto che anche queste famiglie abbiano una sicurezza economica

        quali sarebbero le altre famiglie cui viene garantita una sicurezza economica per chiamata diretta, aggirando il blocco delle assunzioni e senza bisogno di svolgere un'attività della quale ci sia bisogno? Medici, infermieri, ingegneri. avvocati, operai metalmeccanici, rappresentanti di commercio..... ai chi, esattamente, si riferisce?

      • Sì, senza dubbio. Il problema sorge circa le competenze di tale risorse.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il racconto di un palermitano: "Ero con Fabrizio Corona, ecco come ci hanno aggredito nel bosco della droga"

  • Cronaca

    Neonata trovata morta nella culla, lacrime e disperazione alla Guadagna

  • Cronaca

    "Aiutatemi, ha ingerito qualcosa da terra" ma è hashish: bimba di 3 anni ricoverata

  • Mafia

    Pizzo, "legnate" agli incorruttibili e mazzette: così i boss gestivano l'ippodromo

I più letti della settimana

  • "Le chiamate arancine? Non vendetele", Antica Focacceria stoppata a Catania

  • Incidente a Verona, con la moto contro un Suv: muore palermitano di 23 anni

  • "Ma qua volete stare gratis? Smontate tutto": quando la mafia fa chiudere i ristoranti

  • Una mattinata di ordinaria follia: ruba auto a una donna, poi fugge e si schianta alla Noce

  • Si ribella al pizzo, filma il suo estorsore con una telecamera nascosta e lo fa arrestare

  • "Lo dobbiamo 'struppiare' al palermitano? Ci tiriamo 4 'scopettate' nella macchina..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento