Cavalla e puledro in pessime condizioni: denunciati per maltrattamento di animali a Blufi

Durante gli accertamenti è emerso che i due animali erano stati “impastoiati”: subito sottoposti a visita veterinaria, sono state riscontrate profonde abrasioni agli arti anteriori

Due denunce per maltrattramento di animali. E' l'esito del controllo effettuato dai carabinieri della compagnia di Petralia Sottana su due cavalli che si trovavano in un appezzamento di terreno recintato di contrada Cugno Lungo, a Blufi. La denuncia è scattata per i proprietari, CM.P., di 49 anni e B.F., 48 anni. 

Durante gli accertamenti è emerso che i due animali erano stati “impastoiati”. I cavalli erano infatti legati con un laccio: i proprietari avevano bloccato gli arti per prevenire la possibilità degli animali di fuggire durante il pascolo libero all'aperto. Pertanto, subito sottoposti a visita veterinaria, sono state riscontrate profonde abrasioni agli arti anteriori della cavalla e del puledro. "Anche il luogo di  ricovero all’aperto - spiegano i carabinieri - risultava incompatibile con la loro natura".

I militari sono entrati in azione su richiesta d’intervento del nucleo guardie eco-zoofile di Palermo, e nei controlli sono stati coadiuvati dal personale del servizio veterinario. Dopo gli accertamenti i carabinieri hanno proceduto al sequestro dei cavalli, che sono stati quindi affidati in custodia giudiziale a una azienda agricola nell’area madonita. I due proprietari sono stati deferiti all'autorità giudiziaria per “maltrattamento di animali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento