Anziani picchiati e umiliati nella casa di riposo, resta in carcere anche la titolare

Il tribunale del riesame rigetta la richiesta di liberazione di Maria Cristina Catalano, che gestiva l'ospizio "Bell'Aurora" di via Emerico Amari. Nella struttura, secondo la Procura, i degenti sarebbero stati maltrattati per mesi. Una di loro aveva persino tentato il suicidio per sfuggire alle vessazioni

Resta in carcere Maria Cristina Catalano, la titolare di fatto della casa di riposto “Bell’Aurora” di via Emerico Amari, quella in cui – come aveva documentato la guardia di finanza – gli anziani sarebbero stati strattonati, presi a calci e pugni, ma anche insultati ed umiliati per mesi. Il tribunale del riesame ha infatti rigettato l’istanza di scarcerazione dell’indagata, difesa dall’avvocato Maurizio Piazza.

Catalano aveva confessato durante gli interrogatori di garanzia, raccontando però che non si sarebbe resa conto della gravità del suo comportamento perché in una fase di “forte stress”. Ammissioni e problemi di salute che non sono stati ritenuti sufficienti dal collegio presieduto da Antonia Pappalardo per consentirle di lasciare la cella.

Dall’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Sergio Demontis e dal sostituto Anna Battaglia era emerso un quadro agghiacciante, fatto di terribili e ripetute sevizie. I finanzieri guidati dal colonnello Gianluca Angelini erano persino riusciti a documentare il tentativo di suicidio di un’anziana che, pur di sottrarsi alle vessazioni, aveva tentato di lanciarsi da un balcone. Adesso l’ospizio è in amministrazione giudiziaria e l’avvocato Marco Zummo è riuscito a riportare il sorriso sul volto dei degenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il riesame aveva già confermato il carcere per altre indagate, Anna Monti e Antonina Di Liberto, mentre aveva concesso i domiciliari a Rosaria Florio e sottoposto solo all’obbligo di dimora a Palermo Valeria La Barbera. Il ricorso di una sesta arrestata, Vincenza Bruno, è tuttora pendente. Catalano non è accusata solo dei maltrattamenti agli anziani, ma anche di bancarotta fraudolenta, riciclaggio ed autoriciclaggio in relazione alle vicende societarie della casa di riposo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sottopasso di via Leonardo da Vinci, morte due persone rimaste intrappolate in auto

  • Violento nubifragio si abbatte su Palermo, strade allagate e città sott'acqua

  • Tragico nubifragio a Palermo, l'Amap: "La bomba d'acqua non era stata preannunciata"

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

Torna su
PalermoToday è in caricamento