"Niente acqua in molte zone della città": il Comune avverte i palermitani

La causa? Il peggioramento della qualità dell'acqua dell'invaso Rosamarina, dove la torbidità ha raggiunto livelli elevati. Orlando ha chiesto ad Amap, i cui tecnici stanno comunque monitorando costantemente la situazione, di "effettuare verifiche costanti"

La diga Rosamarina

Stop all'erogazione idrica in molti quartieri palermitani. Lo fa sapere il Comune attraverso un comunicato. "A causa del peggioramento della qualità dell'acqua dell'invaso Rosamarina, dove la torbidità ha raggiunto livelli elevati, i tecnici dell'Amap stanno interrompendo l'approvvigionamento idrico da quell'invaso, dopo aver interrotto quello dal Poma e dallo Jato".

Al fine di garantire i rifornimenti di emergenza previsti dalla legge per scuole, ospedali e caserme sarà quindi necessario una ulteriore riduzione di pressione alla rete generale. "A questo punto - dichiara l'amministratrice unica dell'Amap, Maria Prestigiacomo - sarà, purtroppo, certo che molte zone della città avranno una interruzione dell'erogazione nelle prossime ore e per non meno di 12/24 ore".

Conca d'oro a secco, chiude il centro commerciale

Il sindaco Leoluca Orlando ha chiesto ad Amap, i cui tecnici stanno comunque monitorando costantemente la situazione, di "effettuare verifiche costanti sulla qualità dell'acqua in modo da poter riattivare quanto prima il prelievo da tutti gli invasi in condizioni di sicurezza per la salute dei cittadini".

Il Comune fa sapere che la qualità dell'acqua dell'invaso Rosamarina, dove la torbidità ha raggiunto quota 100.000 Ntu (la potabilità si ha a 5 ntu e l'ingresso nei potabilizzatori è possibile con valori inferiori a 25 mila. Per Ntu si intende "unità nefelometriche di torbidità". La torbidità è uno dei parametri fisici più importanti utilizzati per la conoscenza della qualità delle acque destinate all'uso potabile. Nell'acqua potabile un'eccessiva torbidità denota la presenza di agenti patogeni, per cui la turbidimetria assume grande importanza per la prevenzione di epidemie.

Orlando e l'assessore con delega alla Protezione civile, Emilio Arcuri, ieri erano stati costantemente in contatto con i vertici dell'Amap per monitorare il problema dell'eccessivo intorbidimento dell'acqua degli invasi che riforniscono Palermo e diversi comuni della fascia costiera. Maria Prestigiacomo, presidente Amap, aveva assicurato che, nonostante il blocco precauzionale e l'approvvigionamento dagli invasi, non sarebbe stato necessario interrompere l'erogazione idrica "a meno di ulteriori piogge torrenziali come quello delle ultime ore". Stamattina però lo scenario è cambiato.

Le condizioni degli invasi

Permangono le condizioni di fermo impianto del potabilizzatore Cicala e dell’acquedotto Jato a causa del protrarsi delle condizioni di eccezionale torbidità delle acque prelevate dall’invaso Poma con una consequenziale riduzione delle portate immesse nella rete di adduzione di circa 800 litri al secondo. Dalle prime ore di lunedì è stato sospeso il prelievo delle acque dall’invaso Rosamarina per un forte aumento dei valori di torbidità delle acque prelevate dall’adduttore ovest con una ulteriore riduzione delle portate immesse in rete di circa 700 litri al secondo.

La riduzione complessiva del sistema idrico gestito da Amap è pertanto di 1.500 litri al secondo su una media di circa 3.100 litri al secondo. L’immesso nella rete di Palermo ha subito una riduzione di circa 1.100 litri al secondo pari a circa il 48% della portata mediamente immessa in rete. I parametri di torbidità delle fonti sono costantemente sotto controllo ma, considerata l’eccezionalità degli eventi, non possono farsi delle previsioni di superamento dell’emergenza a breve termine.

Situazione delle reti di distribuzione:

COMUNI E UTENZE FASCIA COSTIERA OVEST

Erogazione idrica ridotta:

·         BALESTRATE

·         TRAPPETO

·         CARINI

·         CINISI (non gestito da Amap)

·         TERRASINI (non gestito da Amap)

Erogazione fortemente ridotta e/o sospesa:

·         CAPACI

·         ISOLA DELLE FEMMINE

·         AEROPORTO FALCONE BORSELLINO

COMUNE DI PALERMO

Zone con forti disservizi / assenza erogazione da domenica 4 novembre:

·         ARENELLA

·         VERGINE MARIA

·         MONDELLO

·         PARTANNA

·         ZEN

·         PALLAVICINO

·         S. LORENZO

·         STRASBURGO

·         CRUILLAS

·         UDITORE

·         CALATAFIMI

·         BOCCADIFALCO-BAIDA

·         BORGO MOLARA

Zone in cui si potranno verificare forti disservizi nelle prossime 48 ore:

·         CEP

·         LIBERTA’

·         POLITEAMA

·         BORGO NUOVO

·         ROCCELLA

·         BONAGIA-FALSOMIELE

·         CIACULLI

·         ZISA

·         MONTE PELLEGRINO

·         BRANCACCIO-SETTECANNOLI

·         BANDITA-FAVARA

·         PASSO DI RIGANO

·         CENTRO STORICO

·         ORETO-STAZIONE

COMUNI E UTENZE FASCIA COSTIERA EST

Erogazione idrica ridotta nelle prossime 24 ore:

·         FICARAZZI

·         VILLABATE

·         CASTELDACCIA

·         SANTA FLAVIA

·         BAGHERIA (non gestita da Amap)

ULTERIORI CRITICITA’ NEI COMUNI DELLA PROVINCIA GESTITI DA AMAP

·         CORLEONE: ordinanza di non potabilità per acqua torbida emessa dal commissario straordinario in data 04 nov.

·         MARINEO: erogazione ridotta per problemi di approvvigionamento

·         BOLOGNETTA: erogazione ridotta per problemi di approvvigionamento

CRITICITA’ NEI COMUNI DELLA PROVINCIA DOVUTA A PROBLEMI DI TORBIDITA’ DELLE ACQUE CONSEGNATA DA SICILIACQUE

·         ALIA

·         ALIMINUSA

·         CACCAMO

·         MONTEMAGGIORE BELSITO

·         LERCARA FRIDDI

I parametri di torbidità delle fonti sono costantemente sotto controllo ma, considerata l’eccezionalità degli eventi, in atto non è possibile fare delle previsioni relative al superamento dell’emergenza a breve termine. Gli aggiornamenti saranno reso disponibili sul sito internet della Società: www.amapspa.it
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento