Danni per il maltempo, rami e calcinacci pericolosi: disagi nel Palermitano

Numerosi gli interventi dei vigili del fuoco sui prospetti dei palazzi. In piazza Beati Paoli una luminaria è caduta e ha distrutto il parabrezza dell'auto di un sacerdote. Messe in sicurezza le guaine sui tetti di alcuni palazzi

Sala operativa dei vigili del fuoco (foto archivio)

Danni e disagi per il maltempo. I vigili del fuoco sono stati impegnati in numerosi interventi e soccorsi a Palermo e provincia causati da pioggia e vento. Nel capoluogo sono intervenuti in piazza Beati Paoli, dove una luminaria installata dai commercianti per le feste di Natale è finita sull'auto di un sacerdote distruggendone il parabrezza.

Altri interventi per cornicioni pericolanti sono stati fatti in corso in via Mendola e alla Zisa. I pompieri sono stati impegnati anche nel mettere in sicurezza alcune guaine che a causa del vento rischiavano di volare dai tetti di alcuni palazzi in viale Michelangelo e in via Zaire, mentre sono intervenuti per lamiere pericolanti a Carini in via Fondo Giglio.

Decine le richieste arrivate alle sala operativa dei vigili del fuoco per alberi caduti a Prizzi nei pressi della Chiesa Madre, a Camporeale in via Dante ancora a Carini e Torretta. Anche i vigili del fuoco di Termini Imerese hanno dovuto mettere in sicurezza il prospetto di una palazzina in piazza Umberto I, di fronte alla chiesa, per la caduta di rami nella parte bassa del paese e per un piccolo incendio scoppiato a Cefalù, in contrada Mazaforno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento