menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsius

I medici: “Tutto ok, vada a casa” Paziente muore il giorno dopo

Gioacchino Castiglione, tabaccaio a Borgo Nuovo, è andato all'ospedale Cervello per un gonfiore al collo. Dopo averlo visitato i dottori gli hanno prescritto degli esami e dimesso. La procura ha aperto un'inchiesta

L'ospedale Cervello

Potrebbe essere l’ennesimo caso di malasanità a Palermo sul quale la procura ha aperto un’inchiesta. Domenica un uomo di 58 anni, Gioacchino Castiglione, è andato all’ospedale Cervello con un gonfiore al collo e il respiro affannoso. Dopo aver aspettato 10 minuti il suo turno con il codice verde – secondo quanto racconta l’edizione odierna di Repubblica Palermo – i medici, dopo avergli fatto una radiografia, lo hanno rimandato a casa consigliandogli una visita endocrinologica e una Tac al collo e al torace.

Ma dopo 24 ore l’uomo, che gestiva una tabaccheria a Borgo Nuovo, è deceduto in strada mentre stava andando a piedi allo studio del suo medico curante.
 

Potrebbe interessarti


    Commenti

      Più letti della settimana

      Torna su