Stato-mafia, peggiorano le condizioni di Provenzano: posizione sospesa

Il boss non è in grado di partecipare al processo con piena coscienza, così il gip Piergiorgio Morosini, ha rinviato all'udienza del 10 ottobre per verificare eventuali cambiamenti nelle condizioni di salute del capomafia

Provenzano in carcere

Bernardo Provenzano non è in grado di partecipare al processo con piena coscienza. Per questo motivo il gip Piergiorgio Morosini, sull'esito dell'ultima perizia, ha deciso di mantenere separata e sospesa la posizione del boss nel processo sulla trattativa e ha rinviato all'udienza del 10 ottobre per verificare eventuali cambiamenti nelle condizioni di salute del capomafia.

Secondo l'ultima perizia, il boss, ricoverato dal 7 giugno all'ospedale di Parma, ha avuto un "grave decadimento cognitivo, un'enterite, diverse infezioni e una lesione intramuscolare". "Si fa presente - scrivono i medici - che, a breve, a fronte di un ulteriore prevedibile peggioramento dello stato generale, si dovrà ricorrere all'ausilio di un sondino naso gastrico per l'alimentazione". Da tempo il legale del boss, l'avvocato Rosalba Di Gregorio, chiede la revoca del carcere duro e la sospensione dell'esecuzione della pena proprio per le gravi condizioni di salute del suo assistito. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento