Mafia, strage di via dei Georgofili: ergastolo per il boss Francesco Tagliavia

Esponente della cosca di Brancaccio, è stato riconociuto colpevole della bomba esplosa a Firenze il 27 maggio 1993. Si tratta del processo di appello bis. La Cassazione nel 2014 aveva annullato con rinvio una prima condanna al carcere a vita

Il boss mafioso Francesco Tagliavia, della cosca di Brancaccio, è stato condannato all'ergastolo per la strage di via dei Georgofili, avvenuta a Firenze il 27 maggio 1993. Il verdetto è stato emesso dalla Corte di Assise d'appello di Firenze. Per Tagliavia i giudici hanno disposto anche l'isolamento diurno in carcere.

Si tratta del processo d'appello-bis. La Cassazione aveva annullato con rinvio una prima condanna in appello all'ergastolo per Tagliavia (nella foto a destra), chiedendo di approfondire alcuni elementi di prova legati alle testimonianze dei pentiti Gaspare Spatuzza e Pietro Romeo. In particolare, la Suprema corte chiedeva di valutare nell'appello-bis la credibilità di Spatuzza quando racconta che Tagliavia aveva partecipato in una villa di Santa Flavia, alcuni giorni dopo l'attentato a Maurizio Costanzo (14 maggio 1993), a una riunione fatta per organizzare l'attentato di Firenze. E chiedeva anche di verificare l'attendibilità di Romeo, che aveva confermato il coinvolgimento di Tagliavia nell'organizzazione della strage, costata la vita a cinque persone. 

Le motivazioni della sentenza saranno rese disponibili tra 90 giorni, ma intanto il difensore di Tagliavia, l'avvocato Luca Cianferoni ha annunciato un altro ricorso per Cassazione. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Crocetta all'attacco dell'Ars: "I vitalizi vanno aboliti, ma non posso farlo"

    • Politica

      Disabili gravi, in due anni + 130%: la Regione avvia indagine su "casi sospetti"

    • Cronaca

      Corso dei Mille, nasconde crack e cocaina tra le sterpaglie: arrestato

    • Cronaca

      Allattamento al seno nei luoghi pubblici, nascono altri due "pit stop for nursing"

    I più letti della settimana

    • Disabili dimenticati, Pif urla contro Crocetta: "Siamo incazzati, si dimetta"

    • "Mi ha minacciato": dj Sasà Taibi denuncia Francesco Benigno

    • Spaccio di cocaina per professionisti, altra retata: i nomi dei 13 arrestati

    • Mafia, si pente Giovanni Vitale: "Voglio cambiare vita e vi dico chi paga il pizzo"

    • Incidente a Partinico, con la moto contro un autoarticolato: morto palermitano

    • Tamponamento tra moglie e marito, lei gli distrugge l'auto nuova

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento