Mafia, da Spatuzza nuove rivelazioni sulle stragi: "Dissero di usare esplosivo con parsimonia"

Il pentito Gaspare Spatuzza lo ha detto ai magistrati della Dda di Caltanissetta. I verbali risalgono al 6 febbraio scorso, ma sono stati depositati adesso al processo di Capaci-bis

Strage di Capaci

"Sono certo che questo esplosivo sia arrivato prima della strage di Capaci e utilizzato in quella occasione, poiché, quando poi lo utilizzammo per gli altri attentati, ci fu raccomandato di utilizzarlo con parsimonia, perché stava già per finire e ne avevamo poco". A dirlo è il pentito di mafia Gaspare Spatuzza, parlando con i magistrati della Dda di Caltanissetta. I verbali, che risalgono al 6 febbraio scorso, sono stati depositati ora al processo di Capaci-bis.

Parla un pentito:"Nel 2000 la mafia voleva uccidere il giudice Guarnotta"

Le dichiarazioni rese alla procura di Caltanissetta sulla strage di via D'Amelio del 19 luglio 1992 hanno reso Gaspare Spatuzza il più importante pentito degli anni 2000. Auto-accusandosi, portò alla luce la falsa ricostruzione giudiziaria dei fatti, obbligando gli inquirenti a ricominciare a distanza di quasi vent'anni le indagini. "A riprova di ciò - dice ancora Spatuzza parlando con i pm di Caltanissetta - per il fallito attentato allo stadio Olimpico, lo stesso esplosivo non fu mai utilizzato perché era terminato".    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento