"Soldi della mafia nel business dei rifiuti": tre arresti, indagato viceprocuratore onorario

La finanza ha fatto scattare le manette ai polsi di tre presunti appartenenti alle famiglie mafiose di Brancaccio e Borgo Vecchio: si tratta di Cesare Lupo, Antonio Lupo e Salvatore Gambino. Il viceprocuratore avrebbe fatto da prestanome

I soldi della mafia venivano investiti in imprese attive nel settore dello smaltimento rifiuti. E' quanto hanno scoperto gli uomini della guardia di finanza che hanno eseguito gli arresti di Cesare Lupo, Antonino Lupo e Salvatore Gambino (foto in basso), ritenuti appartenenti ai clan di Brancaccio e Borgo Vecchio. Indagato un viceprocuratore onorario, accusato di fare da prestanome. 

L'operazione - denominata Phedro - è stata portata a termine dai militari del nucleo speciale di polizia valutaria di Palermo che hanno dato esecuzione a un'ordinanza emessa dal gip presso il tribunale di Caltanissetta su richiesta della locale Dda. Gli arrestati devono rispondere di "impiego di denaro, beni e utilità di provenienza illecita e di trasferimento fraudolento di valori, con l'aggravante di aver commesso tali fatti al fine di agevolare l'attività dell'associazione di tipo mafioso denominata Cosa nostra".

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Gli accertamenti hanno consentito di accertare che "i soggetti coinvolti - appartenenti alle famiglie mafiose palermitane di Brancaccio e Borgo Vecchio - hanno investito cospicue quantità di denaro di provenienza delittuosa all’interno di attività imprenditoriali, operanti prevalentemente nel settore della raccolta e smaltimento di rifiuti, di cui sono risultati essere anche i gestori di fatto, sebbene non abbiano mai ricoperto formalmente alcuna carica sociale, né siano mai stati possessori di quote azionarie".

Per gli inquirenti le attività imprenditoriali sono state sovvenzionate con "soldi sporchi". Gli arresti sono il tassello finale di indagini portate avanti con intercettazioni telefoniche e ambientali nonché accertamenti finanziari e patrimoniali, supportati dalle dichiarazioni raccolte da collaboratori di giustizia. Fondamentale si è rivelato l’approfondimento di segnalazioni di operazioni sospette riguardanti specifiche anomalie finanziarie. Un approccio definito “trasversale”, che parte dall’analisi delle segnalazioni e viene poi sviluppato attraverso i successivi approfondimenti sul piano finanziario, patrimoniale ed economico e i riscontri investigativi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Lupo e Gambino, bella accozzaglia.

  • Come si fa ad avere fiducia nella giustizia se sono merd*** gia' loro

  • Avatar anonimo di Mauro
    Mauro

    Che schifo 

  • Perché non viene fatto il nome di questo PM? Perché per lui non scattta la misura cautelare e non lo si sputtana in modo che tutti possano sapere che schifo di uomo sia!!!Ha giurato essere fedele alle legge!!!!! Ovvio che lui protetto dai colleghi!!!!

    • Lo stato non perde mai! Se lo ricordi... purtroppo...

  • Il magistrato indagato e non in custodia come gli altri... Bravi siete bravi, non indagatelo altrimente succede un nuovo caso "saguto" tanto non verrà rinviato a giudizio la sua posizione sarà stralciata. Tanto l'Italia è composta da ignornti che credono che la mafia è composta da solamente delinquente e non da magistrati, uomini dello stato etcc... Come il finto terrorismo.... Allarme il popolo per poter pagare più tasse con la scusa della sicurezza e mettersi loro i soldi in tasca.

  • Ercolino sempre in piedi è l'unico a non saperne niente: le tre scimmiette, non parlo, non vedo, non sento. Ammazza, aho!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il ritardo dell’aereo, lo scalo a Bergamo e il viaggio in pullman: 8 ore per raggiungere Venezia

  • Cronaca

    A maggio un piano straordinario per ripulire la città, si parte dalle periferie

  • Politica

    Uno spazio verde nell'area della Fiera, Susinno: "Villa Piano delle Falde può rinascere"

  • Cronaca

    "Traditore della Sicilia", scritta su manifesto elettorale di Gelarda: la Lega insorge

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Tragico incidente in auto, morto ragazzo palermitano di 20 anni

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

Torna su
PalermoToday è in caricamento