"Zio Settimo mi aiuti?": sconti su affitti e recupero merce rubata, tutti in fila dal nuovo Riina

Mineo - capo del clan di Pagliarelli - che aveva una gioielleria in corso Tukory, per gli abitanti della zona era una figura autorevole a cui rivolgersi in ogni occasione. Il vecchio boss ascoltava tutti e imponeva il suo controllo asfissiante e diffuso sul territorio

Settimo Mineo arrestato ieri

A lui si rivolgevano tutti. Per ottenere uno sconto sul canone di locazione, per recuperare la merce rubata e persino per fare da 'mediatore' per ottenere il pagamento di un credito. Settimo Mineo, che ufficialmente aveva una gioielleria in corso Tukory ed era capo del mandamento di Pagliarelli, era ritenuto dagli investigatori l'erede di Totò Riina. L'uomo, 80 anni, finito ieri in carcere nell'ambito dell'operazione antimafia 'Cupola 2.0' dei carabinieri del comando provinciale di Palermo, era per gli abitanti della zona una figura autorevole a cui rivolgersi in ogni occasione. E lui, il vecchio boss, ascoltava tutti e imponeva il suo controllo asfissiante e diffuso sul territorio.

Nel maggio del 2015, accompagnato dal suo autista e factotum Matteo Maniscalco, si reca in un'autofficina in via Ernesto Basile. A chiedere il suo intervento era stato un cliente del meccanico, proprietario di un veicolo rimasto danneggiato in un incidente, che con il titolare dell'officina si era accordato per ottenere un risarcimento maggiore rispetto all'effettiva entità del danno. Il meccanico si era impegnato, una volta ottenuti i soldi dalla compagnia assicurativa, a consegnare 500 euro al proprietario dell'auto, ma quel denaro non l'aveva mai versato. Così l'automobilista aveva deciso di rivolgersi proprio a Mineo.

E l'intervento del capo dei capi era stato risolutivo. "Mi hanno chiuso oggi la pratica, mi hanno levato cinquecento euro" si giustificava il meccanico con Mineo, spiegando di aver ricevuto un indennizzo inferiore a quello che avevano preventivato: a fronte di una fattura da lui presentata per 6.891 euro, gli erano stati liquidati solo 6.300 euro.  

Mineo, però, tagliava corto, rimarcando che l'accordo era avvenuto sotto la propria supervisione e che, pertanto, doveva essere rispettato. Date le circostanze, però, spiegava che "eccezionalmente" avrebbe concesso al titolare dell'officina di consegnare una somma lievemente inferiore rispetto a quella convenuta, 400 euro rispetto ai 500 pattuiti. E di fronte alla resistenza del commerciante e ai tentativi di contrattare ulteriormente al ribasso la somma, lo aveva interrotto bruscamente. "Duecento? Che fa scherza? Che fa l'elemosina a quel ragazzo? Quattrocento me ne deve dare e il Signore aiuta a lei e a quel ragazzo pure. Domani o dopodomani viene Matteo e se li viene a prendere".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (11)

  • Il nuovo riina, come no. Ma con qualche centinaio di morti in meno sulla coscienza. Capisco che l'espressione "il nuovo riina" giornalisticamente vende bene. E capisco pure che potrebbe essere riferita, al netto dei soliti sensazionalismi giornalistici, alla posizione apicale che, a detta dei pm, sarebbe stata riconosciuta al mineo nella ricostituenda commissione. Ma ricordiamo chi fu riina. Uno che volle omicidi, stragi, che si fece dittatore di quella che al tempo (a differenza d'oggi) era una delle più pericolose organizzazioni criminali europee. A quanto si capisce dalle sparute info fornite dal media, la posizione di leader della commissione sarebbe stata garantita al mineo in ragione della anzianità. Un criterio neutrale, che prescinde dalla statura criminale del soggetto. Un criterio scelto APPUNTO x la sua neutralità. Ma si deve vedere Qual'e, appunto, la pericolosità del Mineo...o meglio il suo livello, dando per scontato che esista (la pericolosità). Le vicende riferite dalla stampa danno al personaggio una caratura per così dire folkloristica, ma non delineano certo il ritratto di un soggetto enormemente pericoloso... Un capo mafia di quartiere classico, che raccomanda e convince. Ricorda quasi il don vito Corleone interpretato da de Niro nel Padrino 2. Diciamo che, se (SE) questo è il massimo che Mineo ha nai fatto, può ritenersi si trattasse di soggetto di media caratura criminale.

  • E' una cultura. Pagavano e pagano tutti. E si riproducono. Un fenomeno non facilmente estirpabile.

  • No ma prendetelo sempre 80 enni

    • E quindi?

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    A quanto pare qualche cosa di utile la faceva!

  • Vogliamo il nome e la fotografia dell'automobilista! Gli abitanti della zona, capirai... altri ignoranti.

  • Cultura di morte.

  • E se il meccanico gliene dava 200 che succedeva? Gli dava fuoco?

  • Prima che la “mafia”, andrebbe estirpata questa “cultura”

    • Dobbiamo attendere duemila anni circa per poterci livellare con l'Europa "Il problema è che qua più passa il tempo più ci livelliamo con il Nord dell'Africa altro che Europa"

      • L'Europa... capirai...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Le "vampe" di San Giuseppe infiammano la città, a Ballarò arance contro polizia e vigili

  • Cronaca

    Padre e figlio freddati allo Zen, convalidato l'arresto del reo confesso

  • Cronaca

    Zen sotto assedio, perquisizioni nelle case: preso 22enne con pistola e coca

  • Cronaca

    Arriva il presidente cinese, città blindata: divieti e strade chiuse al traffico

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Cocaina a gogò per i professionisti: terremoto nella mafia di Porta Nuova, 32 arresti

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

Torna su
PalermoToday è in caricamento