Via D'Amelio, la polizia arresta Scarantino alla fine di Servizio Pubblico

L'ex collaboratore di giustizia ha raccontato di essere stato costretto a fornire una falsa ricostruzione dell'attentato in cui morì Borsellino con la sua scorta. Il blitz dopo la trasmissione legato ad una storia di abusi sessuali

Vincenzo Scarantino con il volto coperto da una maschera

Vincenzo Scarantino è stato prelevato dalla polizia al termine della puntata di ieri sera di Servizio Pubblico. Durante il programma di Michele Santoro, l'ex collaboratore di giustizia avrebbe rivelato di aver depistato le indagini sulla strage di via D'Amelio in cui morì Paolo Borsellino ed i cinque agenti della scorta. A comunicarlo è stato lo stesso Santoro con un messaggio inviato tramite i social network al termine della trasmissione. Sembrerebbe però che il blitz possa essere legato ad una storia di abusi sessuali su una ragazza, e non alle dichiarazioni rese ai giornalisti.

Si stavano muovendo a bordo di un'auto affittata dalla produzione di Servizio Pubblico, quando quattro auto della polizia li hanno fermati: mezzo perquisito e Scarantino prelevato (GUARDA IL VIDEO). Quest'ultimo, durante l'intervista realizzata con il volto coperto da una maschera, ha raccontato di essere stato pressato dall'allora questione Arnaldo La Barbera, oramai deceduto, affinché mentisse sulla strage tirando in ballo un altro "suggeritore". Ma il suo nome non è mai saltato fuori. Ricostruendo i fatti, Scarantino ha sottolineato come fosse stato indotto, durante il suo soggiorno nel supercarcere di Pianosa, a fornire una falsa ricostruzione dell'attentato.

E durante la diretta è stata nominata in più occasioni il magistrato Ilda Boccassini, all'epoca dei fatti in servizio presso la procura di Caltanissetta, che avrebbe firmato alcune relazioni nelle quali esprimeva i propri dubbi sull'attendibilità di Scarantino. Da quelle carte nacquero le accuse trasformate poi in condanne, confermate dalla Cassazione, prima che parlasse anche il pentito Gaspare Spatuzza e che le sue dichiarazioni portassero alla revisione del processo.

Rispondendo alle domande di Santoro e del direttore di Panorama Giorgiò Mulè, Scarantino avrebbe parlato di una persona, senza fornirne l'identità, autore di alcuni scritti contenenti appunti sulla falsa ricostruzione dell'attentato. Ha spiegato di essere stato costretto ad imparare a memoria quegli appunti dagli investigatori del gruppo Falcone-Borsellino. Ma l'identità di quel falso "suggeritore" resta ancora un mistero. Tornando al blitz della polizia, sembrerebbe sia legato ad una violenza sessuale fatta nei confronti di una ragazza, seguita da Scarantino in qualità di operatore ed in sostituzione di un collega. A lui, dunque, sarebbe contestata l'aggravante "dell'abuso di autorità".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Carri, musica e corpi: "Nasciamo nudi, sarà un Palermo Pride senza censure"

    • Sport

      Palermo, ma che closing è? Le scommesse di Zamparini nel piano B di Baccaglini

    • Economia

      Mac Cosmetics apre nuovo store in via Ruggero Settimo: Barbisio lascia i portici

    • Politica

      Leoluca Orlando proclamato sindaco per la quinta volta: verso una Giunta senza politici

    I più letti della settimana

    • L'idea rivoluzionaria del Bar Garibaldi: "Prendi un cocktail, ti regaliamo una canna"

    • Morto dopo l'impatto con una volante, poliziotto indagato per omicidio stradale

    • Corleone, la figlia di Totò Riina chiede il bonus bebè: secco no dal Comune e dall'Inps

    • Borgo Nuovo in lacrime per Nico: un addio con tanti palloncini bianchi

    • Esce per una battuta di pesca, sub palermitano muore a Termini Imerese

    • "Siamo brutti e cattivi, non abbiamo diritti... revocatemi la cittadinanza": lo sfogo di Lucia Riina

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento