homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

San Giuseppe Jato, celebrazioni in ricordo del piccolo Giuseppe Di Matteo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Si terranno lunedì 11 gennaio alle 10.30, presso il Giardino della Memoria di San Giuseppe Jato (contrada Giambascio), le celebrazioni per il ventesimo anniversario dell’omicidio mafioso del piccolo Giuseppe Di Matteo, su iniziativa del Coordinamento di Libera a Palermo e del Comune. La giornata avrà come titolo “C’era un volta un bambino che amava i cavalli”.

Il programma della giornata prevede la celebrazione di una Messa in ricordo di tutti i bambini innocenti vittime della violenza dell’uomo. Prima della funzione interverrà l’artista Martino Lo Cascio, che interpreterà in forma recitata uno scritto su Giuseppe Di Matteo, si terrà una testimonianza sulla tragica storia del bambino da parte dei volontari di Libera del comprensorio della Valle dello Jato e ci saranno i saluti istituzionali del Sindaco di San Giuseppe Jato, l’avvocato Davide Licari.

Per informazioni su come raggiungere il Giardino della Memoria, bene confiscato alla mafia dove fu ucciso il piccolo Giuseppe, si possono contattare i volontari ai numeri 091/322023 e 320/9055259.

I più letti di oggi


    Torna su
    PalermoToday è in caricamento