Bindi: "Tra gli iscritti alla massoneria in Sicilia anche mafiosi condannati al 416 bis"

Il presidente della Commissione parlamentare Antimafia svela i primi risultati dell’indagine avviata nei mesi scorsi sui rapporti tra Cosa nostra e le logge massoniche

“Tra gli iscritti nelle logge massoniche della Calabria e della Sicilia ci sono alcuni condannati per associazione mafiosa”: lo ha detto Rosy Bindi svelando i primi risultati dell’indagine avviata dalla Commissione parlamentare Antimafia. Bindi, presidente della Commissione, ha anticipato in esclusiva a Presadiretta i primi risultati del lavoro della commissione sui rapporti mafia e massoneria nella puntata “I Mammasantissima”, in onda stasera alle 21.15 su Rai3.

“Non siamo ancora alle conclusioni definitive, ma – ha spiegato Bindi – i primi risultati del nostro lavoro dimostrano che tra i nominativi degli iscritti alle logge massoniche della Calabria e della Sicilia, ci sono alcuni condannati per 416 bis, quindi per associazione mafiosa, e un numero considerevole di situazioni giudiziarie in itinere, imputati, rinviati a giudizio, sia di reati di mafia che di quelli che comunemente chiamiamo i reati spia di comportamenti mafiosi o comunque di collusione con la mafia”. E sulla presenza di mafiosi-massoni all’interno di logge ufficiali, delle obbedienze ufficiali, la presidente risponde così: “Assolutamente sì. Noi stiamo parlando di logge regolari”.

"Noi - puntualizza Bindi - non stiamo facendo un'inchiesta sulla massoneria, stiamo facendo un'inchiesta sui mafiosi massoni. Per noi è molto importante questa inchiesta soprattutto perché si parla di una sorta di nuova organizzazione delle mafie che vede insieme pezzi delle mafie, pezzi della massoneria, dello Stato, delle classi dirigenti del nostro Paese". Alla richiesta della Commissione parlamentare di avere la lista degli iscritti alle logge calabresi e siciliane, nessuna obbedienza ufficiale aveva consegnato i nomi alla scadenza dell'8 febbraio scorso. E l'Antimafia era intervenuta a inizio marzo con gli uomini del Servizio centrale di investigazione sulla criminalità organizzata (Scico) della Guardia di finanza sequestrando le liste degli affiliati di Calabria e Sicilia delle quattro principali associazioni massoniche italiane: Il Grande Oriente d'Italia, la Gran Loggia Regolare, la Serenissima Gran Loggia d'Italia e la Gran Loggia d'Italia degli Antichi Liberi Accettati Muratori.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (11)

  • ma và!.. e in parlamento no?

  • Falcone e Borsellino siete morti invano,La legalità non esiste,se facevate i giudici senza fare gli eroi eravate ancora vivi.Mi dispiace cari giudici pace alle vostre anime

  • La Bindi era tesserato ai massoni italiani

  • Bisognerebbe tenere d'occhio anche le associazioni antimafia...

  • Quanto é costata al contribuente onesto questa straordinaria scoperta della Bindi, che, peraltro, vive di politica da oltre 40anni? Cosí com'é, la commissione parlamentare antimafia é un ente inutile. Si potrebbero dare piú fondi alle Forze dell'Ordine per avere risultati utili alla societá civile.

  • La signora bindi ha scoperto l'acqua calda.... Poveri noi.. Ma in che mani ci siamo messi.

  • Ma guarda tu...nessuno se ne era mai accorto...eppure penso che sicuramente sia sempre stato sotto gli occhi di tutti il rapporto politica-mafia-massoneria...meno male che ogni tanto si cerca di far chiarezza in quest'Italia alla deriva ed alla mercè dei più furbi !!! Mi auguro si vada avanti e si prendano le adeguate misure !!!

  • Ciò dimostra i legami politico- mafiosi- imprenditoriale.... sono superbi in tutto e per tutto...fosse per me la pena di morte darei

  • Ma guarda un po'....

  • Solo nel palermitano se ne contano circa una trentina

  • Rosi Bindi hai scoperto l acqua calda. C e sempre stato un rapporto politica e mafia. Le loghi e massoniche andrebbero smantellate.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Nino Di Matteo rimosso dal pool stragi per colpa di un’intervista

  • Elezioni

    Il giorno delle Europee, urne aperte fino alle 23: Mattarella a Palermo per votare

  • Cronaca

    Rimprovera "sporcaccione" che lancia spazzatura dal finestrino e viene investito

  • Cronaca

    Ladri e scassinatori seriali in centro città: erano l'incubo della notte, arrestati

I più letti della settimana

  • Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Travolto da una moto in via Notarbartolo: il cuore si ferma, salvato da due passanti

  • La droga "calabrese" venduta a Palermo, i nomi degli arrestati

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

  • La coca sul camper e il maxi giro d'affari: "Che sono 300 chili di fumo? Un pelo di m..."

  • "Paga o ti faccio chiudere il cantiere": ma lui si ribella e fa arrestare uno dei Graviano

Torna su
PalermoToday è in caricamento