Provenzano potrebbe esere pericoloso: no alla scarcerazione

Dopo l'ok delle procure di Palermo, Caltanissetta e Firenze, il Tribunale di sorveglianza di Bologna ha negato la richiesta. Determinanti le trascrizioni del colloquio fra boss e la moglie, durante il quale il corleonese chiese come andasse "a putìa"

Il boss corleonese Bernardo Provenzano

Provenzano resterà in carcere. Nonostante il parere favorevole delle procure di Palermo, Caltanissetta e Firenze, ma col ''no'' della direzione nazionale antimafia, il tribunale di sorveglianza di Bologna ha risposto negativamente all'istanza di revoca del 41 bis del legale per il boss mafioso Bernardo Provenzano che sarebbe in gravissime condizioni di salute.

Per i giudici, come scrivono alcuni quotidiani, le sue condizioni anche se gravi non sono incompatibili col regime carcerario cosiddetto duro. Negli atti esaminati dai giudici c'è anche la trascrizione di un colloquio fatto dal padrino corleonese con la moglie in cui Provenzano chiedeva come andasse ''a putìa'' cioè la bottega. Per i giudici ciò potrebbe far pensare alla richiesta di informazioni da parte di Provenzano su come ''vadano gli affari'' che nel suo caso sarebbero ''di mafia''. A causa delle sue condizioni di salute il processo sulla trattativa Stato - mafia a carico del boss è stato sospeso. Lo scorso luglio il legale del mafioso, Rosalba Di Gregorio, ha presentato anche istanza di scarcerazione al giudice di sorveglianza di Parma. [fonte Ansa]

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento