Stato-mafia, i giudici di Palermo: “Sì alla testimonianza di Napolitano”

La Corte di Assise ha accolto le richieste del pm chiamando il Presidente della Repubblica a testimoniare in aula sulle telefonate fra Mancino e il consigliere giuridico del Quirinale, Loris D'Ambrosio

Napolitano dovrà deporre in aula. Dopo mesi di tira e molla, di intercettazione distrutte e di richieste dei pm ignorate, la Corte di Assise di Palermo ha ammesso la testimonianza del presidente della Repubblica nel processo per la trattativa Stato-mafia.

Il capo dello Stato figura nella liste testi che la Procura avrebbe voluto ascoltare. In particolare, Napolitano sarà sentito sui colloqui fra Nicola Mancino e l'ex consigliere giuridico del Quirinale, Loris D'Ambrosio che in una lettera, datata 18 giugno 2012, raccontava del timore "di essere stato considerato solo un ingenuo e utile scriba di cose utili a fungere da scudo per indicibili accordi" tra il 1989 e il 1993.

La Corte, accogliendo la richiesta dei pm ha comunque fissato dei paletti con Napolitano che sarò sentito "nei soli limiti della conoscenza del teste che potrebbero esulare dalle funzione presidenziali e dalla riservatezza del ruolo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento