Mafia e pizzo al Borgo, 13 condanne e 6 assoluzioni: "festa" in aula dopo la sentenza

Pene lievi e assoluzioni nel processo che vedeva alla sbarra 19 persone arrestate un anno fa dai carabinieri e imputate per associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia. L'indagine era nata dalle accuse di Giuseppe Tantillo

Carabinieri a Borgo Vecchio - foto archivio

Mafia, condanne (lievi) e “festeggiamenti” in tribunale. E’ stata emessa ieri dal gup Filippo Lo Presti la sentenza del processo che vedeva alla sbarra 19 persone, di cui tredici condannate e sei assolte, per i reati di associazione mafiosa, estorsione, intestazione fittizia di beni e rapina. Al termine della lettura del dispositivo nell’aula della Corte di assise i familiari hanno accolto con urla di gioia e abbracci il risultato. Assolti Massimiliano Tabbita, Francesca Verducci, Marco Verducci, Domenico Canfarotta (assolto e subito liberato), Marcello D'Amico e Nunzio La Torre.

La mappa del pizzo, chi paga e chi si ribella

Queste le pene inflitte dal giudice: Fabio Bonanno 6 anni e 4 mesi, Cristian Cinà 4 anni e 6 mesi, Domenico Consiglio 3 anni e 4 mesi, Salvatore D'Amico 4 anni e 6 mesi, Elio Ganci 2 anni e 2 mesi (in continuazione con una precedente condanna), Giuseppe La Malfa 4 anni e 8 mesi, Gianluca Lo Coco 4 anni e 8 mesi, Luigi Miceli 5 anni e 2 mesi, Francesco Russo 2 anni e 8 mesi, Salvatore Russo 2 anni e 8 mesi, Antonino Siragusa 3 anni e 8 mesi, Domenico Tantillo 5 anni e 8 mesi, Antonio Tarallo 5 anni e 2 mesi.

Il processo celebrato con rito abbreviato è il seguito dell’operazione dei carabinieri che un anno fa hanno arrestato 17 persone. L’accusa, rappresentata dal sostituto procuratore Amelia Luise e dall’aggiunto Salvatore De Luca, aveva chiesto per gli imputati pene per complessivi 170 anni. Fondamentale il contributo dei commercianti della zona di Borgo Vecchio che denunciarono le richieste di pizzo, alcuni anche dopo anni. In molte occasione i soldi venivano consegnati a Giuseppe Tantillo, poi diventato collaboratore di giustizia. Fu proprio lui, con le sue dichiarazioni, a far emergere numerosi dettagli rimasti fino ad allora segreti.

pizzino estorsioni borgo vecchio-2

L’inchiesta aveva fatto luce sulle richieste estorsive che coinvolgevano a tappeto buona parte della zona. Negozi vari, bar, fiorai, ottiche e tabaccherie dovevano pagare 500 euro a Pasqua e altrettanti a Natale. E alcuni di loro, prima di piegarsi, hanno subito incendi e danneggiamenti serviti a fare capire loro che non si scherzava. Convocati in caserma i commercianti sono riusciti a vincere le loro paura e confermare le circostanze riscontrate durante le indagini. Pagare per non avere problemi.

L'estorsione ripresa dalle telecamere | VIDEO

Le pene sono state ridotte a tutti gli imputati. "L’associazione mafiosa è crollata per molti. Al nostro assistito Salvatore D'Amico - spiega a PalermoToday l'avvocato Pierfrancesco Cascio, che ha difeso l'imputato insieme al collega Alberto Raffadale - gli è stata contestata la singola estorsione. Caduti i capi d'accusa relativi all'associazione mafiosa e una sparatoria avvenuta al Borgo. Da una richiesta di 14 anni si è passati a una condanna a 4 anni e 6 mesi".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (11)

  • Quindi è così che la "giustizia" protegge chi si ribella ai mafiosi? Rimettendoli in libertà? Un grazie sentito ai giudici che hanno rimesso in strada i nostri cari delinquenti e hanno dato un'importante insegnamento alla città: non ribellatevi e pagate il pizzo che tanto nessuno vi protegge

  • Avatar anonimo di Mauro
    Mauro

    Ed ora ?il [pentito] Che mangiava e offendeva diretta Facebook chissà cosa penserà 

  • Ecco qua dopo anni di indagini delle forze dell ordine intercettazioni commercianti che vincono la paura è denunciano arrivano i nostri cari magistrati e distruggono tutto con assoluzioni e lievi condanne come si fa a nn fare L associazione mafiosa? Ma questi da che parte stanno? Ora a questi commercianti che cosa gli raccontano che tra qualche giorno se li ritroveranno di nuovo in zona meglio per loro a sto punto stare muti... che schifo

  • E per festeggiare, festival neomelodici a iosa...

  • Non tutti i giudici sono coraggiosi come Falcone e Borsellino, ci sono anche i deboli ed i paurosi.

  • E ora quei commercianti che hanno denunciato che faranno? Si ritroveranno domani all' interno dei loro negozi la gente che loro stessi hanno denunciato. Direi che come tutela verso chi denuncia nn c è male.

  • così si tutela chi ha denunciato!? bene! domani se li ritrovano dentro le loro attività commerciali

  • e questi sono i cosiddetti omini d'onore.....vergogna parassiti dell'umanità.

  • Sempre complimenti alla magistratura

  • Avatar anonimo di Tony
    Tony

    Mi raccomando.da domani a lavoro......si ricominciaaaaaaa.

  • Certo che esempio diamo alla societa'onesta....stiamo parlando di feccia della societa', paragonabili a sanguisughe....si definiscono uomini andando a chiedere soldi alla gente....inutili

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Orlando ci ripensa: "Niente sospensione della Ztl per il Black Friday"

  • Politica

    Palermo-Agrigento e passante, sindacati edili incontrano Toninelli: "A rischio 100 lavoratori"

  • Politica

    Luigi Di Maio sabato a Palermo: il vicepremier atteso anche a Corleone

  • Cronaca

    "Scaricò rifiuti pericolosi a rischio infettivo anche a Palermo": sequestrata la nave Aquarius

I più letti della settimana

  • Commercianti denunciano il pizzo, il pentito parla: 10 arresti per mafia a San Lorenzo

  • Fidanzati scomparsi da due giorni, il papà del ragazzo: "Li abbiamo trovati, stanno bene"

  • Si allontana da casa della nonna ad Altavilla: giovane scompare insieme alla sua ragazza

  • Il pestaggio di Giovanni Caruso, denunciato un trentenne: "E' lui l'aggressore"

  • Palermitano da record: "A 55 anni sono il bisnonno più giovane d'Italia"

  • Pentito telefona a Calí: "Tu numero uno degli sbirri, pronte due pistole per ucciderti"

Torna su
PalermoToday è in caricamento