Mafia, estorsioni e rapine: 33 arresti e sigilli ad aziende

L'operazione è condotta dai carabinieri ed è stata denominata "Black Cat". Colpiti i mandamenti di Trabia e San Mauro Castelverde. I boss sarebbero riusciti a fare dimettere il sindaco di Cerda, Andrea Mendola, che non si era voluto piegare alle loro richieste

I carabinieri in conferenza spiegano i dettagli dell'operazione

Blitz antimafia dei carabinieri. I militari dell'Arma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Palermo su richiesta della locale Procura, nei confronti di 33 persone (LEGGI I NOMI), accusate a vario titolo di associazione di tipo mafioso, nonché dei delitti di estorsione, rapina, furto, illecita detenzione di armi, intestazione fittizia di beni e trasferimento fraudolento di valori aggravati dal metodo mafioso. Sono scattati i sigilli, per sequestro preventivo, anche a diverse imprese riconducibili ai sodalizi mafiosi. (LE INTERCETTAZIONI/VIDEO)

LEGGI I RETROSCENA

L’operazione, denominata "Black Cat", è frutto delle indagini sviluppate dalla compagnia di Termini Imerese. Colpiti i mandamenti di Trabia e San Mauro Castelverde. Gli inquirenti hanno ricostruito "gli assetti di vertice delle famiglie e le interlocuzioni con gli esponenti apicali di quelle limitrofe. Sono stati, inoltre, documentati numerosi reati fine espressione della capacità di intimidazione e controllo del territorio delle compagini mafiose oggetto di indagine".

L'inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Leo Agueci e dei sostituti Sergio Demontis, Siro De Flammineis, Bruno Brucoli ed Ennio Petrigni. Sono stati accertati quattro episodi di estorsione. Nel mirino della mafia: un imprenditore che stava realizzando alcune villette in contrada Sant'Onofrio di Trabia, la ditta impegnata nei lavori di costruzione di una scuola a Termini Imerese e quella che sta ristrutturando l'ex cinema Trinacria di Polizzi Generosa, infine l'impresa che si è aggiudicato l'appalto per ristrutturare l'Ex carcere di Castelbuono. Quando le vittime si ribellavano, scattava la rappresaglia, come nel maggio 2012, in contrada "Granza" di Sclafani Bagni, quando vennero incendiati i mezzi dell'azienda di proprietà di due imprenditori agricoli.

Dalle indagini è emerso che anche le amministrazioni comunali erano nel mirino. A Cerda, il 30 ottobre 2012 furono incendiate le autovetture dell'allora sindaco Andrea Mendola "colpevole" di non avere agevolato gli interessi e l'attività dei boss mafiosi. Poco dopo il primo cittadino ha lasciato l'incarico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

  • Soccorsa in strada a Ballarò, donna di 30 anni muore prima dell'arrivo in ospedale

Torna su
PalermoToday è in caricamento