Quel medico che disse "no" alla mafia: "Paolo Giaccone eroe palermitano"

La commemorazione a 35 anni dall'omicidio. Il primario dell’Istituto di Medicina Legale del  Policlinico fu assassinato per aver rifiutato di modificare i risultati di una perizia dattiloscopica su un'impronta digitale che riconduceva ai killer di una sparatoria

Da primario dell’Istituto di Medicina Legale del  Policlinico, venne assassinato per aver rifiutato di modificare i risultati di una perizia dattiloscopica su un'impronta digitale che riconduceva ai killer, poi condannati, di una sparatoria che, nel 1981 a Bagheria, provocò 4 morti. Palermo ricorda Paolo Giaccone: si è svolta questa mattina, presso l’Istituto di Medicina legale del Policlinico Universitario, la commemorazione del primario di Medicina Legale, assassinato 35 anni fa.

“Paolo Giaccone – ha ricordato  il sindaco Leoluca Orlando -  è stato  un professionista esemplare di grande competenza e rigore etico, considerato "eversivo" in un tempo di profondo condizionamento mafioso sulle istituzioni e sulla società civile e, per questo, barbaramente ucciso dalla mafia per impedirgli di continuare ad adempiere al proprio dovere. Di lui voglio ricordare la straordinaria professionalità medica, la sensibilità civile e la coerenza a 'scienza e coscienza' del bimillenario Giuramento di Ippocrate". La sua esperienza a Palermo, come quella dell’avvocato Ambrosoli a Milano, è propria di quello che può definirsi un eroe borghese. Il suo esempio ed il suo sacrificio sono oggi più che mai attuali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Alla commemorazione di Paolo Giaccone, oggi, - ha dichiarato l'assessore alla Salute ed alla Scuola, Giovanna Marano, presente alla cerimonia in rappresentanza del Comune - l’Amministrazione comunale ha voluto onorare la memoria di un uomo, di un professionista, di un medico che ha ricoperto il suo incarico con trasparenza e rigore, senza mai arretrare davanti alla minaccia mafiosa, fino al sacrificio estremo della propria vita. In questo senso, - ha concluso l’Assessore -. Paolo Giaccone ha rappresentato quella parte della città che, nei lunghi anni di guerra di mafia, non ha mai chinato il capo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

Torna su
PalermoToday è in caricamento