Palermo ricorda Paolo Giaccone, il medico eroe che disse no alla mafia

La commemorazione a 34 anni dall'omicidio. Orlando: "Era un professionista esemplare di grande competenza e rigore etico considerato "eversivo" in un tempo di profondo condizionamento mafioso"

Paolo Giaccone

Commemorato questa mattina Paolo Giaccone, a 34 anni dall'omicidio, nel corso della cerimonia che si è svolta nel luogo dove venne ucciso dalla mafia: di fronte l'Istituto di Medicina Legale all'interno del Policlinico di Palermo, oggi intitolato al medico  universitario.  
Alla commemorazione hanno partecipato i familiari del professor Giaccone, rappresentanti  istituzionali dell'Università, delle Autorità Civili e Militari e, per la Città di Palermo, l'Assessore ai Rapporti funzionali con l'Università, Gianfranco Rizzo, che ha sottolineato: “Il sacrificio del professor Paolo Giaccone, che oggi ricordiamo, è quello di un eroe civile, caduto compiendo il proprio dovere”.

Il sindaco Leoluca Orlando ha ricordato “Un professionista esemplare di grande competenza e rigore etico considerato "eversivo" in un tempo di profondo condizionamento mafioso sulle istituzioni e sulla società civile”.

Il primario dell’Istituto di Medicina Legale del  Policlinico, venne assassinato per aver rifiutato di modificare i risultati di una perizia dattiloscopica su un'impronta digitale che riconduceva ai killer, poi condannati, di una sparatoria che, nel 1981 a Bagheria, provocò 4 morti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da Campofiorito, vede disegno della figlia in tv e dà sue notizie: "Sto bene"

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • L'agguato con la pistola e la rapina in mezzo al traffico, arrestato diciassettenne

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

Torna su
PalermoToday è in caricamento