"Dalla Chiesa ucciso da boss 'ndrangheta": la rivelazione del pentito Canale

Il nuovo collaboratore di giustizia ha detto ai pm della Dda di Reggio Calabria che sarebbe stato Nicola Alvaro a sparare con un mitragliatore contro l'auto su cui viaggiavano il prefetto Dalla Chiesa e la moglie il 3 settembre 1982

Il generale Dalla Chiesa

Anche la cosca Alvaro della 'ndrangheta sarebbe stata coinvolta nell'omicidio, nel 1982 in via Isidoro Carini a Palermo, del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, della moglie Emanuela Setti Carraro e dell'agente di polizia Domenico Russo. A rivelarlo è un nuovo collaboratore di giustizia: Simone Canale. Avrebbe detto al pm della Dda di Reggio Calabria Giulia Pantano di avere appreso in carcere che sarebbe stato il boss Nicola Alvaro a sparare con un mitragliatore contro l'auto su cui viaggiavano il prefetto Dalla Chiesa e la moglie.

Il nome di Alvaro venne fuori nell'immediatezza delle indagini, ma il boss fu prosciolto e per l'assassinio del prefetto furono condannati Benedetto "Nitto" Santapaola e i componenti della cupola palermitana. Le nuove dichiarazioni di Canale sull'omicidio di Dalla Chiesa e della moglie sono state trasmesse per competenza alla Dda di Palermo. 

Simone Canale avrebbe anche rivelato numerosi particolari sulle attività criminali degli Alvaro e sulle loro alleanze, in particolare con i Piromalli, indicandoli anche come responsabili dell'uccisione del boss di Gioia Tauro Rocco Molè.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Se non ci fosse collusione tra mafia e politica le organizzazioni criminali non avrebbero terreno fertile.

  • Sconti e premi?

  • Maledetti mafiosi. Siete la rovina di un isola stupenda.

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Il discorso prende sempre più piede. Quando u curtu diceva di essere il para fulmini d'Italia non aveva torto allora. 

    • U curtu è stato il più grande tragediatore della storia dell'umanità. Un fenomeno. U zi totuccio dilanió la vecchia mafia con le tragedie che faceva, prima ancora che a colpi di mitragliatrice. Quello che diceva riina non vale un ca..o di niente

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morto in un market di via Maqueda, Ballarò saluta Matteo: "Vogliamo giustizia, non vendette"

  • Cronaca

    Il Comune si riprende La Mimosa, sgomberato l'asilo occupato a Pallavicino

  • Cronaca

    Differenziata, Rap apre alle scuole il Centro comunale di raccolta di viale dei Picciotti

  • Economia

    Quota 100, a Palermo 2.500 richieste: in pensione senza verifica ma c'è il rischio "trappola"

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento