Infarto in barca: è morto "Faccia da mostro", lo 007 dei misteri

L'ex poliziotto aveva 71 anni: per i magistrati era un personaggio chiave della trattativa. Giovanni Aiello, questo il suo nome, era finito al centro di tutti gli intrighi e di tutte le investigazioni sulle bombe del 1992

I pentiti lo chiamavano “Faccia da mostro”, per quel volto sfigurato da una fucilata in gioventù. Per anni si è aggirato come un'ombra nella Palermo delle stragi. Adesso Giovanni Aiello non c'è più. È morto questa mattina, stroncato probabilmente da un malore. L’ex poliziotto della Squadra Mobile di Palermo con passato nei servizi, conosciuto alle cronache come "Faccia da mostro" e finito al centro di alcune vicende controverse, ormai da tanti anni era in pensione e si era rifugiato in una casa sulla spiaggia calabrese vicino Montauro, sulla costa ionica catanzarese.

Aiello, 71 anni, è morto tra i bagnanti mentre cercava di portare a riva la propria barca. Dopo avere tirato su l’imbarcazione assieme ad altri bagnanti che lo hanno aiutato, poi si è accasciato. Inutili i soccorsi, ad opera dai bagnanti. Anche l'intervento degli operatori del 118 non è servito a salvare l'ex poliziotto.

Vincenzo Agostino: "Fatto accidentale o uccisione di Stato?"

L'autopsia sarà effettata nelle prossime ore. A disporre l'esame è stato il sostituto procuratore di turno della Procura della Repubblica di Catanzaro, Vito Valerio. Da pochi minuti è terminato l'esame esterno sul corpo di Aiello effettuato dal medico legale Isabella Aquila, dell'Università Magna Grecia di Catanzaro. Successivamente la salma è stata trasferita in obitorio. Aiello viveva in un'abitazione a pochi metri di distanza dalla spiaggia insieme alla moglie. Dalla Sicilia, dopo avere appreso la notizia del decesso, è giunta la sorella.

"Faccia da mostro", funzionario dei servizi segreti in attività a Palermo negli anni Ottanta, fino alle grandi stragi del 1992, era stato riconosciuto nel febbraio del 2016 da Vincenzo Agostino, padre del poliziotto di Palermo, Antonino, ucciso con la moglie Ida Castellucci il 5 agosto del 1989. "E' lui, è quello che mi sta guardando", avrebbe detto Agostino, che dal giorno dell'omicidio di suo figlio non si è mai più tagliato la barba. L'ex agente segreto sarebbe colui che prima del delitto sarebbe stato visto vicino alla sua abitazione. Uscendo Agostino confermò di averlo riconosciuto "anche se era ben truccato". Il confronto avvenne davanti al gip del Tribunale di Palermo, Maria Pino, e al pm Nino Di Matteo. Aiello era stato iscritto nel 2015 nel registro degli indagati con i boss Gaetano Scotto e Salvino Madonia. Per i capi mafia la procura aveva chiesto l'archiviazione, ma il giudice respinse l'istanza ordinando nuove indagini tra le quali il confronto fra il padre della vittima e Aiello.

Aiello era convolto nelle vicende relative alla cosidetta trattativa. Per i magistrati era un personaggio chiave: era finito al centro di tutti gli intrighi e di tutte le investigazioni sulle bombe del 1992. Nino Lo Giudice detto Il Nano, pentito e capo di uno dei clan più potenti di Reggio Calabria, ai magistrati che indagano sulle stragi disse: “E’ stato il poliziotto Giovanni Aiello a far saltare in aria Paolo Borsellino e i 5 agenti di scorta. Fu lui a schiacciare il pulsante in via D’Amelio. Me lo confidò Pietro Scotto quando eravamo in carcere all’Asinara. E anni dopo me lo confermò Aiello in persona… Ma quando ho raccontato tutto sono stato minacciato dai servizi”. Rivelazioni verbalizzate dai pm di Reggio Calabria e condivise con i magistrati siciliani.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Omicidio di stato,Palermo today continua A cancellare i commenti

  • CI penzo' la sorte a punirlo.

  • Omicidio di stato

  • Ed ora?

    • Ora "qualche magistrato" (sto sul generico, ultimamente su questo sito tendono a censurare i nomi)trova qualche nuovo personaggio che si adatta alla sua narrazione. Sono intercambiabili, l'importante é che siano mediaticamente appetibili e suggestivi

  • ma strano...guarda caso dopo che la sett scorsa un pentito calabrese lo aveva accusato di essere stato lui a schiacciare il pulsante in via d amelio..mhaaa.

    • Queste dichiarazioni risalgono a diversi anni fa...ci sta scritto pure nell'articolo, magari se lo avesse letto...e non sono MAI state riscontrate.del resto, spesso i pentiti tendono a dire ciò che i magistrati vogliono sentirsi dire. Ma a parte questo...quindi se uno muore per infarto sotto il sole, mentre é sotto sforzo, c'è dietro il complotto? Ma dico lei é serio o scherza? A che punto può spingersi la tara mentale complottista?

  • Uno dei personaggi più suggestivi delle fiabe complottiste narrate da certi magistrati...speriamo che i prodi "servitori dello stato" alla costante ricerca della "verità" (e della attenzione mediatica) aprano una bella inchiesta...É chiaro che dietro questa morte ci sta la mano della massoneria, del bildeberg, della spectre, dei servizi (non quelli igienici, sia ben chiaro!!) del complotto giudo-pluto-pippo-paperino-minnie, di berlusconi, degli alieni e dei rettiliani! TUTTI IN GALERA!

    • Buongiorno sig Marcello....ha dimenticato il panfilo Britannia, e mi permetto di ricordarglielo. Il nostro, si sa , è un popolo di eroi,santi e navigatori! :-)

      • Mi sono dimenticato pure soros. Sto perdendo colpi!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio a Pagliarelli, un sms sul cellulare per attirare Manzella nella trappola

  • Mafia

    Il tesoriere di Totò Riina ora è libero: Vito Palazzolo affidato in prova ai servizi sociali

  • Incidenti stradali

    Ci risiamo, incidente in via Roma: un altro pedone investito, è grave

  • Cronaca

    Ha investito e ucciso un uomo in via Roma, ventenne ai domiciliari per due mesi

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento