Mafia ed estorsioni, sette fermi tra Misilmeri e Belmonte Mezzagno

Operazione dei carabinieri su disposizione del Pubblico Ministero. Decapitati i vertici delle cosche palermitane. A fare scattare l'indagine delle forze dell'ordine sono stati gli imprenditori e i commercianti che hanno ammesso di essere vittime del pizzo

Maxi operazione dei carabinieri. Dalle prime luci dell’alba, i militari del comando provinciale, al termine di una complessa attività d’indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia, sono impegnati nell’esecuzione di sette fermi disposti dal Pubblico Ministero (LEGGI I NOMI). Si tratta dei vertici del mandamento e i reggenti delle famiglie mafiose di Belmonte Mezzagno e Bolognetta. (LE INTERCETTAZIONI/VIDEO)

A fare scattare l'indagine delle forze dell'ordine sono stati gli imprenditori e i commercianti che hanno ammesso di essere vittime di estorsione. L'operazione è stata poi chiamata dai carabinieri "Jafar".

I RETROSCENA: CRISANTEMI PER AVVERTIRE UN MACELLAIO

Destinatari dei provvedimenti di fermo sono gli appartenenti al mandamento mafioso di Misilmeri – Belmonte Mezzagno, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione e minaccia aggravati dal metodo e dalle finalità mafiose.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • "Aiuto, l'hanno rapita": mamma perde di vista bimba di 4 anni, panico in via Libertà

Torna su
PalermoToday è in caricamento