"Seppellitelo nel sacco": una guerra di mafia per comandare a Porta Nuova

Emergono inquietanti retroscena nelle pieghe dell'operazione dei carabinieri che ha portato a 8 arresti. Dopo la cattura del super boss D'Ambrogio viene designato come successore Giuseppe Di Giacomo, fratello di uno storico padrino. Ma la leadership dà "fastidio"

Gelosie, risentimenti, ordini, vendette. E' quello che emerge dall'operazione dei carabinieri che oggi ha portato a 8 arresti. Giuseppe Di Giacomo (ucciso un mese fa alla Zisa) era stato chiamato a raccogliere l'eredità del super boss, Alessandro D'Ambrogio, a capo della cosca di Porta Nuova, arrestato lo scorso luglio. Un predestinato. La nomina avvenne in fretta, senza troppi tentennamenti. (I NOMI DEGLI ARRESTATI)

A comunicare l'investitura fu il fratello, Giovanni Di Giacomo, personaggio carismatico e di grande caratura criminale, detenuto per scontare una condanna all'ergastolo e storico padrino, con queste parole: "...Ma poi c'è un'altra cosa che fuori non la sa nessuno, questa te la dico a te e a un certo punto dovrà venire fuori. A te ti abbiamo fatto noi altri", disse Giovanni Di Giacomo, non sapendo di essere intercettato, al fratello Giuseppe. E quello di Giovanni Di Giacomo si rivela un ruolo fondamentale. Consiglia al fratello come gestire la cosiddetta "cassa", puntualizzando che per il pagamento delle cosiddette "mesate" agli affiliati del mandamento era necessaria la somma complessiva di 11.500 euro: "... Sì ... allora ... ora ti dico una cosa ... a quello nostro ... gli devo mettere ... ogni mese ... ogni mese si devono mettere undici e cinque". (LE INTERCETTAZIONI - VIDEO)

Gli incontri tra i due fratelli sono fatti di fitte chiacchierate. Consigli, strategie, ordini: bisogna eliminare un mafioso che non ha rispettato le regole del clan. "Nel sacco... l'importante è che lo dovete seppellire, tutto qua è il discorso". Così Giovanni Di Giacomo "catecchizzava" il fratello. "Certo", rispose in un'occasione Giuseppe: "Quacina, quacina di sopra. Gli togliete i vestiti, le scarpe, hai capito? Quando viene il crasto battilo sempre in capo per evitare lo scruscio". La conversazione viene intercettata dai carabinieri.

Ma Giuseppe non fa in tempo a eseguire gli ordini del fratello. Perché quella di boss di Porta Nuova è una "poltrona" troppo ambita. Al punto da scatenare risentimenti da parte di altri mafiosi di rango. Che una volta scarcerati insidiano la leadership del momento. Così, il 12 marzo Giuseppe Di Giacomo viene ucciso in un agguato di mafia. Parte di riflesso un incontrollabile desiderio di vendetta da parte dei familiari. Giovanni Di Giacomo e il fratello Marcello progettano di uccidere coloro che ritengono responsabili del delitto. Gli investigatori però grazie ad una scrupolosa attività di indagine sono riusciti ad intervenire prima che esplodesse una vera e propria guerra di mafia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • se volete essere ben visti dovete far guerra a questo fenomeno... debellatelo e ve ne sara' dato merito, tutti sanno che ne siete capaci, basta volerlo, questi clan non possono uccidervi tutti.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Orlando ci ripensa: "Niente sospensione della Ztl per il Black Friday"

  • Politica

    Palermo-Agrigento e passante, sindacati edili incontrano Toninelli: "A rischio 100 lavoratori"

  • Politica

    Luigi Di Maio sabato a Palermo: il vicepremier atteso anche a Corleone

  • Cronaca

    "Scaricò rifiuti pericolosi a rischio infettivo anche a Palermo": sequestrata la nave Aquarius

I più letti della settimana

  • Commercianti denunciano il pizzo, il pentito parla: 10 arresti per mafia a San Lorenzo

  • Fidanzati scomparsi da due giorni, il papà del ragazzo: "Li abbiamo trovati, stanno bene"

  • Si allontana da casa della nonna ad Altavilla: giovane scompare insieme alla sua ragazza

  • Il pestaggio di Giovanni Caruso, denunciato un trentenne: "E' lui l'aggressore"

  • Palermitano da record: "A 55 anni sono il bisnonno più giovane d'Italia"

  • Pentito telefona a Calí: "Tu numero uno degli sbirri, pronte due pistole per ucciderti"

Torna su
PalermoToday è in caricamento