"Luogo d'incontro per i summit di mafia", interdittiva per la gioielleria di Settimo Mineo

I provvedimenti firmati dal Prefetto di Palermo riguardano, oltre all'attività dell'erede di Riina di corso Tukory, anche due imprese attive nel campo delle costruzioni: le srl Sicilia Conglomerati e Costruzioni stradali infrastrutture

Uno dei summit intercettato dai carabinieri

Interdittiva antimafia a carico di tre ditte palermitane. Il Prefetto Antonella De Miro ha adottato i provvedimenti ai sensi del codice unico antimafia a carico di Mineo Gioielli, con sede in corso Tukory 182, la Sicilia Conglomerati srl e la Costruzioni stradali infrastrutture srl, di cui è socio unico e amministratore il titolare della prima, in relazione a circostanze e fatti emersi nell'ambito dell’operazione antimafia Cupola 2.0 condotta dai carabinieri sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Palermo.

"Un giorno mi costruirai una bomba", scatta arresto numero 48

Il provvedimento per la Mineo Gioielli è stato adottato ai dell'articolo 89 bis del Codice antimafia “perché l'attività - scrivono dalla Prefettura, è soggetta a condizionabilità mafiosa in quanto l’attività commerciale viene considerata base operativa del reggente mafioso del mandamento di Pagliarelli, Settimo Mineo, e luogo di frequenti incontri tra gli indagati i delitto associativo mafioso. Il provvedimento interdittivo è comunicato al Comune di Palermo ed alla Camera di Commercio”.

gioelleria mineo corso tukory-2

Le altre interdittive riguardano la Sicilia Conglomerati srl e la Costruzioni stradali infrastrutture, il cui amministratore e socio unico è Rosario Aloisio. Nel primo caso, spiegano dalla Prefettura, l’azienda viene indicata in quanto avrebbero garantito una fornitura di cemento che sarebbe stata imposta a un imprenditore di Villabate, “con l’aggravante di aver commesso il fatto con le modalità e al fine di agevola l’associazione mafiosa Cosa nostra”.

Prove insufficienti, giovane arrestata torna libera

Per la seconda impresa, collegata alla prima, il provvedimento viene spiccato in virtù degli articoli 84, 89 bis e 91 del Codice antimafia con contestuale preavviso di diniego della richiesta di iscrizione nell’elenco degli esecutori-white list della Prefettura di palermo. Copia è stata inviata all’Anas, all’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, all’Agenzia delle Entrate di Cagliari, all’Università di Catania e alla Camera di commercio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Forza!

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Lo schianto col Suv in centro, Mondello sotto choc per la morte del figlio del titolare del bar Renato

  • Cronaca

    E' morta Tindara Agnello, con la sua creatività ha trasformato la vecchia coppola in icona di stile

  • Sport

    Mirri chiama a raccolta i tifosi, Foschi lo stoppa: "Non abbiamo bisogno di collette"

  • Politica

    "Non lascio la tenda, la strada deve essere riaperta": nuova protesta del sindaco di Polizzi

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, camion travolge auto: morto un magistrato

  • Il migliore cardiochirurgo del mondo? Lavora a Villa Sofia: "Così ha salvato una donna"

  • Giovanni e una vita tra toga, famiglia e pallone: "Magistrato di spessore, uomo serio e preparato"

  • Lacrime e silenzio per il funerale di Giovanni Romano: "Quel messaggio senza risposta di domenica notte"

  • Stroncato da un infarto mentre è in bici: morto avvocato palermitano

  • Incidente in via Daita, col Suv contro le auto posteggiate e poi si ribalta: morto il figlio del titolare del bar Renato

Torna su
PalermoToday è in caricamento