Sentite l'ex boss Brusca, 150 delitti dopo: "Adesso sono una persona diversa"

L’ex capomafia di San Giuseppe Jato, arrestato nel 1996, dichiara attraverso i suoi legali: "Sono maturato, leggo e prego. Dimenticatevi il criminale mafioso di una volta"

Giovanni Brusca, arrestato nel 1996

Centocinquanta delitti dopo, Giovanni Brusca dice di essere cambiato. L’ex capomafia di San Giuseppe Jato, arrestato nel 1996, ritenuto responsabile (anche) della brutale uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo, dichiara al mondo: "Sono una persona diversa". Insomma, dimenticatevi il crudele uomo di mafia di vent'anni fa. Il boss - attraverso i suoi legali - fa sapere che la condanna che sta espiando è in gran parte frutto delle sue dichiarazioni auto-accusatorie, che in carcere ha studiato e che attraverso i libri e le letture è anche maturato. Brusca ha chiesto di dire la sua al settimanale Oggi, in edicola da domani (anche su www.oggi.it) dopo che il giornale, nelle settimane scorse, ha dato la notizia che il boss gode di cinque giorni al mese di libertà. 

E grazie a un permesso premio Brusca ha trascorso le festività fuori dal carcere romano di Rebibbia. L'ex capomafia oggi fa però sapere che adesso disprezza il suo passato. Stando ai suoi avvocati, Giovanni Brusca prega nella solitudine della sua cella dove "per sua scelta ha deciso di vivere in una sorta di 41 bis volontario, rinunciando ad avere contatti con chi ha vissuto il suo passato".

Critiche e polemiche. Dopo l’assoluzione nel processo, oggi definitiva, il reato di estorsione venne derubricato in tentativo di violenza privata, mentre la questione relativa all’intestazione fittizia di beni era andata prescritta e all’ex boss furono restituiti 200 mila euro che gli erano stati sequestrati. Successivamente i permessi premio vennero ripristinati, permettendogli di trascorrere in media cinque giorni al mese fuori dal carcere. Per gli ultimi dell’anno Brusca è tornato a casa in stato di libertà, ma questa sotto l’occhio vigile e la sorveglianza del Gruppo operativo mobile della polizia penitenziaria. Ma adesso potrebbe usufruire della detenzione domiciliare. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Stupisce che un pentito del suo calibro possa tranquillamente trascorrere serenamente i suoi permessi e lasciato in vita.Può significare che conta ancora qualcosa? Poiché è impensabile non esistano più mafiosi.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morto in un market di via Maqueda, Ballarò saluta Matteo: "Vogliamo giustizia, non vendette"

  • Cronaca

    Il Comune si riprende La Mimosa, sgomberato l'asilo occupato a Pallavicino

  • Cronaca

    Differenziata, Rap apre alle scuole il Centro comunale di raccolta di viale dei Picciotti

  • Economia

    Quota 100, a Palermo 2.500 richieste: in pensione senza verifica ma c'è il rischio "trappola"

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento