Corleone, sgomberata la casa del boss Rosario Lo Bue

E' stato arrestato nel 2008 nell'ambito dell'operazione antimafia "Perseo" e nuovamente nel 2015 nel corso del blitz "Grande Passo 3"

Da questa mattina è in corso lo sgombero della casa del boss Rosario Lo Bue a Corleone. Il provvedimento è stato emesso dall'Agenzia dei Beni confiscati ed eseguito da polizia, carabinieri e finanzieri. La palazzina era occupata dai familiari di Lo Bue in via Salvatore Aldisio. A loro è stato notificato il provvedimento con il quale viene liberato il bene confiscato. Rosario Lo Bue, 64 anni, pastore, è fratello di Calogero Giuseppe, arrestato nell'aprile del 2006 con l'accusa di essere era uno dei "vivandieri" di Bernardo Provenzano. Nel 2008 Rosario Lo Bue è stato arrestato nel maxi blitz dei carabinieri "Perseo". Nel 2015 è stato arrestato di nuovo nell'operazione antimafia dei carabinieri Grande Passo 3. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli spostamenti della turista bergamasca: "Ha girato per Palermo, indagini su dove è stata"

  • Coronavirus, primo caso a Palermo: turista di Bergamo è positiva

  • Rissa fuori dalla discoteca, ragazzo di 21 anni muore accoltellato a Terrasini

  • Coronavirus a Palermo, i contagiati tra i turisti bergamaschi salgono a tre

  • Coronavirus, Musumeci: "Sospensione lezioni nelle scuole di Palermo e provincia"

  • Incidente in autostrada a Tommaso Natale, morto un automobilista

Torna su
PalermoToday è in caricamento