Corleone, processione con "inchino" sotto casa Riina: è polemica

Il corteo ha fatto una sosta proprio in via Scorsone, davanti alla casa del boss. Ninetta Bagarella, la moglie di Totò Riina, era affacciata al balcone con le sorelle. Inviata una relazione alla direzione distrettuale antimafia

Foto archivio

Ancora una volta sacro e profano si mescolano, tanto da finire in un fascicolo sul tavolo della magistratura. Siamo a Corleone dove domenica scorsa c'è stata la processione con la vara di San Giovanni Evangelista. Secondo quanto riporta "La Repubblica" il corteo ha fatto una sosta proprio davanti a casa Riina, in via Scorsone, nel cuore del paese. Ninetta Bagarella, la moglie di Totò, era affacciata al balcone con le sorelle.

Un episodio che non è passato inosservato. Il commissario di polizia e il maresciallo dei carabinieri, che erano presenti, hanno subito lasciato la processione e hanno inviato una relazione alla procura distrettuale antimafia. Dai primi accertamenti è emerso che uno dei membri della confraternita di San Giovanni Evangelista, Leoluca Grizzafi, è cugino di secondo grado della Bagarella.

Il parroco di Santa Maria, padre Domenico Mancuso, si è detto amareggiato e ha garantito che episodi del genere non si ripresenteranno. Ancora più netto il  vescovo di Monreale, monsignor Michele Pennisi, che nominato una commissione d'inchiesta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento