Vacanza ad Altavilla nell'hotel sul mare: arrestato il boss Mario Strano

Era andato a passare il Ferragosto in vacanza in un albergo pur avendo l'obbligo di dimora a Catania. Alla vista dei poliziotti ha provato a fuggire con l'aiuto dei familiari, ma è stato bloccato

Il boss catanese Mario Strano, sorvegliato speciale con obbligo di dimora a Catania, è stato arrestato dalla polizia ad Altavilla Milicia. Il pregiudicato, 52 anni, era andato a passare qualche giorno di vacanza in un hotel sul mare della provincia palermitana, ma gli agenti lo hanno individuato e arrestato. La polizia ha fatto irruzione nell'albergo dove l'uomo soggiornava insieme alla famiglia dal 13 agosto.

L'uomo è stato tratto in arresto per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale, nonché per inosservanza degli obblighi previsti dalla misura di prevenzione della sorveglianza speciale. A inchiodarlo sono stati i sistemi informatici che collegano le strutture di ricezione turistiche alla questura, che hanno segnalato e comunicato, telematicamente, la presenza di Strano. Così in albergo si sono presentati gli agenti dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico.

"Dopo aver preso contatto con il personale dell'hotel - dicono dalla questura -  i poliziotti hanno individuato Strano nella sala ristoro. Il boss catanese ha dapprima spintonato gli agenti, subito dopo si è dato alla fuga, facendosi scudo con i parenti, che hanno cercato di aiutarlo a scappare. A questo punto i poliziotti, seppur con notevoli difficoltà, sono riusciti a divincolarsi dai parenti per mettersi sulle tracce del pregiudicato. Strano, dopo aver scavalcato una recinzione, in un maldestro tentativo di nascondersi, si è sdraiato per terra tra le siepi ma è stato individuato e bloccato"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Affiliato prima alla cosca dei Santapaola e poi a quella dei Cappello-Carateddi, Mario Strano condannato per mafia, omicidio doloso, ricettazione, sequestro di persona, rapina e porto abusivo di armi era stato arrestato nel 2013. Dopo aver scontato la condanna definitiva per il processo Revenge aveva lasciato il carcere, ma era ancora sottoposto all'obbligo di sorveglianza speciale. Strano è stato arrestato e portato nel carcere “Cavallacci”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, positivo anche primario dell’ospedale Villa Sofia: è ricoverato al Cervello

  • Coronavirus, in Sicilia 68 nuovi contagiati: i morti superano quota 100

Torna su
PalermoToday è in caricamento