"Colletti bianchi e aristocrazie mafiose insieme per grandi affari", l'allerta di Scarpinato

Il procuratore generale Roberto Scarpinato è intervenuto alla conferenza “Seguite i soldi, troverete la mafia”, organizzata a pochi giorni dal venticinquesimo anniversario della strage di Capaci

Roberto Scarpinato

“È un errore guardare la criminalità mafiosa con gli stessi occhi e parametri concettuali con cui si guardava la mafia nella prima Repubblica. Ora è emerso un nuovo crimine organizzato che è difficile gestire con gli stessi strumenti e norme della prima Repubblica come ad esempio il 416bis”. A dirlo è il procuratore generale Roberto Scarpinato, intervenuto alla conferenza “Seguite i soldi, troverete la mafia”, organizzata a pochi giorni dal venticinquesimo anniversario della strage di Capaci dall'associazione culturale Falcone e Borsellino in collaborazione con la Rete Universitaria Mediterranea e ContrariaMente.

Secondo Scarpinato il cambiamento sociale, culturale, economico internazionale che ha interessato il passaggio dalla prima alla seconda Repubblica ha “scompaginato anche gli assetti della società civile illegale e l’universo mafioso innescando una selezione della specie, che ha premiato le mafie silenti. Mafie che adattandosi hanno ridotto al minimo il metodo mafioso classico e l’uso della violenza cavalcando invece la logica del libero mercato”. 

GUARDA IL VIDEO: DOPO 25 ANNI E' CAMBIATO QUALCOSA? COSA NE PENSANO I PALERMITANI

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una criminalità organizzata che, secondo il procuratore generale, delinea “sistemi di potere paralleli” contenenti “un elite di colletti bianchi e aristocrazie mafiose” che si occupano di grandi affari inaccessibili alla mafia tradizionale che si è sviluppata invece “all’interno dell’economia meridionale della prima Repubblica”. Per Scarpinato “oggi la torta è per pochi: i grandi affari sono gestiti in cabine di regia a cui hanno accesso ristrette elite di colletti bianchi e aristocrazie mafiose”, mentre durante la prima Repubblica “il rapporto tra mafia e corruzione era democratico, poiché la spesa pubblica era spalmata orizzontalmente”. Per questo, ha concluso il magistrato, “la battaglia” deve essere “su tutti i fronti”, primo fra tutti “il ripristino della democrazia politica contro i grandi poteri economici e finanziari, di cui la mafia mercatista è componente strutturale”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, positivo anche primario dell’ospedale Villa Sofia: è ricoverato al Cervello

Torna su
PalermoToday è in caricamento