La mafia secondo Lo Voi: "Non è forte come un tempo, tutti i boss sono stati presi"

Così il Procuratore di Palermo durante l'audizione in Commissione antimafia al Parlamento: "Cosa nostra è meno forte di prima. Non siamo più nel periodo in cui dovevamo affrontare centinai di omicidi l'anno o stragi ravvicinate"

Francesco Lo Voi

"La mafia c'è anche se è meno forte di prima". A dirlo, durante l'audizione in Commissione antimafia al Parlamento, è il Procuratore di Palermo Francesco Lo Voi. "Cosa nostra - dice - ha un fattore di rigenerazione. Non è forte come un tempo, non siamo più nel periodo in cui dovevamo affrontare centinai di omicidi l'anno o stragi ravvicinate". Lo Voi dice che "sono stati inferti colpi durissimi alla mafia, al punto tale che tutti i grandi capi di Cosa nostra sono stati arrestati e alcuni sono morti in stato di detenzione". E ricorda che "in Cosa nostra ci sia in corso la ricostituzione della Commissione provinciale che ha sempre rappresentato l'organismo guida. Lo scopo di Cosa nostra è avere un organismo di vertice funzionante".

"Cosa nostra ha bisogno di facce pulite, non solo per l'intestazione fittizia dei beni immobili ma anche per le attività commerciali - ha proseguito Lo Voi -. Questo dato significa due cose che ci sono svariate centinaia di persone, quelle che abbiamo scoperto, che sono disponibili a entrare in contatto o lo chiedono loro stessi, con soggetti mafiosi. O che comunque non rifiutano un contatto con la mafia". "E contemporaneamente abbiamo la presenza di una serie di soggetti sconosciuti diciamo che possono grazie alle loro facce pulite e la loro incensuratezza".

"Ci sono i pubblici amministratori, professionisti, alcuni dei quali vengono coinvolti in queste attività, avvocati, direttori di banca, che si presentano con la faccia pulita e possono trarre in inganno l'interlocutore sulla vera matrice - ha detto Lo Voi -. Qui non si tratta più del trasferimento del bene dal padre al figlio, che era roba degli anni ottanta, qui si tratta dell'offerta e della creazione della possibilità di entrare in contatto, tramite facce pulite, con altri settori, e non escludo quello politico, che non hanno motivo di dubitare della correttezza della persona che hanno di fronte".

Lo Voi ha concluso: "Un nuovo settore di particolare interesse per la mafia è quello dei giochi online, attraverso punti gioco e piattaforme di varia natura. E' un settore enormemente remunerativo e in grande espansione, al punto tale che qualche mafioso di grande calibro sta pensando di investire maggiormente su questo lasciando perdere le estorsioni".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Ricordo che nei primi anni '70 il Procuratore della Repubblica di Palermo affermava che la mafia non esiste. Quindi siamo in linea ........

  • È finita la mafia stragista... ma quella raffinata e subdola è sempre più potente... Lo Voi, non cada dalle nuvole.

  • Ha detto bene, ci sono avvocati, direttori di banca, aggiungo dottori e infermieri e tanti giudici.. Corrotti!

    • Infatti.

  • non Mi Ricordo di avere letto la Cattura di Matteo Messina denaro e se E cosi perché ancora lo Cercano Ma lo Voi c'è o ci Fa...????????

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La loggia segreta di Castelvetrano, lo sfogo che incastra Cascio: "Quello mi dice il discorso"

  • Cronaca

    Bellolampo, rimane col braccio incastrato nel nastro trasportatore: operaio si frattura il polso

  • Politica

    Rifiuti, proposta dell'Anci: "Tari nella bolletta della luce per evitare il dissesto dei Comuni"

  • Cronaca

    In diecimila in piazza per ricordare le vittime di mafia: "Uniti si vince"

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

  • Scoperta loggia segreta che condizionava la politica: 27 arresti, c'è Francesco Cascio

Torna su
PalermoToday è in caricamento