"Paghi tu?", "No, tocca a te": tre palermitani litigano e devastano un bar, denunciati

Maxi scazzottata tra due fratelli e un nipote il giorno di Pasqua con lancio di bottiglie e sedie. E' successo in un noto bar di Pavia. Sono intervenuti i carabinieri: "C'era sangue ovunque. Tra i clienti, tutti terrorizzati, c'erano anche bambini"

"Paghi tu?", "No, tocca a te". E' iniziata pressapoco così a discussione al momento di pagare il conto al bar nel pomeriggio di Pasqua. E' andata a finire che due fratelli e un nipote, tutti palermitani, hanno distrutto un bar. E' successo nel Pavese. A raccontare come sono andate le cose sono stati i carabinieri. "I tre palermitani si erano trovati in un noto bar di Sartirana, e dopo aver consumato alcuni alcolici, all’atto del pagamento, non trovandosi d’accordo su chi dovesse o meno saldare il conto, hanno dato vita a una vera e propria scazzottata con tanto di lancio di bottiglie e sedie".

Il tutto è avvenuto davanti agli occhi terrorizzati di numerosi clienti, la maggior parte costituiti da famiglie con bambini. "Al termine della furibonda lite, oltre allo stupore e il terrore, agli occhi dei carabinieri della stazione di Sartirana che nel frattempo sono intervenuti - hanno spiegato dal comando dell'Arma - si è fatta la conta dei danni: la vetrata della porta d’ingresso rotta a terra, cocci di bottiglie, di sedie e di vasi di piante distrutti". Chi ha assistito alla lite ha raccontato di aver visto "sangue ovunque". I tre hanno tentato la fuga. Alla fine sono stati denunciati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento