Letizia Battaglia al Cervello per una polmonite: "Luca dovresti vedere, è un inferno"

La fotografa è stata ricoverata dopo essere passata dal pronto soccorso, ma all'interno non c'erano stanze disponibili. A raccontare sui social il caso di malasanità la figlia Shobha. L'appello al sindaco Orlando: "Vieni a controllare come la Regione tratta i siciliani"

Letizia Battaglia in barella in corridoio al Cervello

"Luca (Orlando ndr), dovresti vedere: è un inferno". Così la nota fotografa di fama mondiale Letizia Battaglia definisce l'ospedale Cervello dopo aver trascorso circa 24 ore nei corridoi della struttura sanitaria, in barella. Ieri mattina la Battaglia si è svegliata con una brutta tosse e si è recata al pronto soccorso, insieme alla figlia Shobha. Così è cominciata l'attesa infinita per una visita: "I reparti sono pieni - scrive la figlia sul suo profilo Facebook - e siamo da questa mattina in corridoio. Mamma in barellla e nulla accade, non respira e tossisce senza pausa... ma come si fa a lasciare una donna a soffrire così?". Dopo qualche ora alla fotografa è stata diagnostica una polmonite: non ci sono letti disponibili però, quindi si rimane a dormire in corridoio.

"Questa notte si rimane - continua Shobha - qui in corridoio, non ci sono letti. Siamo in barella vicino a tanti altri malati, non ci sono stanze libere, ora aspettiamo i risultati dei raggi e del sangue. Per ora dicono che ha la polmonite". "A causa del cambio di stagione - spiegano dal Cervello - il pronto soccorso è intasato e le pneumologie sono piene. Ieri mattina, inoltre, sono arrivati contemporaneamente cinque uomini e otto donne con complicazioni polmonari e respiratorie. Da qui i problemi di posti letto".

Attraverso la pagina Facebook di Shobba è Letizia Battaglia stessa a lanciare un appello al sindaco Leoluca Orlando: "Luca, dovresti vedere come la Regione Siciliana tratta i suoi siciliani... questo è inferno, vieni a controllare e visitare i disgraziati che sono qui dentro", firmato Letizia Battaglia. Oggi la fotografa sta meglio: ha lasciato l'ospedale e da questa mattina si trova in una clinica.

E dopo qualche ora, puntuale, arriva la dichiarazione di Orlando. "Ancora una volta - si legge in una nota - chiediamo che la Regione affronti con assoluta priorità la condizione delle strutture di Pronto Soccorso e urgenza, che sono spesso il luogo di primo contatto fra cittadini e sanità pubblica e che dovrebbero essere un luogo di intervento e smistamento rapido alle strutture specialistiche o di dimissione. Gravi e croniche carenze strutturali, di dotazione organica e a volte organizzative rendono invece spesso i pronto soccorso luoghi di ulteriore sofferenza e mortificazione del diritto alla salute, con una connessa condizione di tensioni e mortificazione della professionalità degli operatori sanitari.
Mi auguro - conclude il sindaco - che questo tema sia fra quelli prioritari nell'agenda del nuovo Governo e del nuovo Assessore regionale".


 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento