Villagrazia di Carini, i Tinturia tra i rifiuti 'ironizzano': "La civiltà regna sovrana"

Il cantante del gruppo Lello Analfino ha pubblicato su Facebook una foto-denuncia accompagnata da un post in cui attacca cittadini, commercianti e amministrazione che "continuano ad imbrattare e a infangare il nome di un luogo che dovrebbe essere votato al turismo"

Lello Analfino dei Tinturia a Villagrazia di Carini - Foto da Facebook

Alle porte di Villagrazia di Carini, "dove l'unico #rifiuto dovrebbe essere quello alla #inciviltà" ad avere la meglio è la spazzatura che, ancora una volta, ha invaso le strade. A denunciare la situazione stavolta è l'inviato speciale Lello Analfino, voce dei Tinturia.

"Benvenuti a VillaGrazia di Carini, dove la civiltà regna sovrana. Un plauso va agli abitanti e ai commercianti del luogo, che lasciano scorrere tranquillamente. E al sindaco, al quale basterebbe mettere una video camera - come molti suoi colleghi fanno già in altri comuni - per smascherare, xx e denunciare questi vandali che, pur avendo i contenitori a poco meno di 300 metri di distanza, continuano ad imbrattare e a infangare il nome di un luogo che dovrebbe essere votato al turismo. Chi vede e non provvede è complice. Chi vede e tace è complice. Anche questa è mafia, ma io continuo a sperare che qualcosa cambi: che ne dite, aspetto?" il messaggio che Lello Analfino ha postato sulla fanpage della band (in allegato il post).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento