Gesip, non solo proteste: i lavoratori puliscono la spiaggia di Vergine Maria

Prima di una serie di iniziative, volontarie e fuori dall'orario di servizio, per sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni sulla scadenza del contratto di servizio della società del Comune

Operai gesip in protesta

I lavoratori della Gesip puliscono il litorale di Vergine Maria invaso dai rifiuti. Si tratta della prima di una serie di iniziative in programma ad aprile organizzate assieme ai sindacati per sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni sulla scadenza del contratto di servizio della società del Comune, prevista il prossimo 21 aprile.

La pulizia delle spiagge è uno dei servizi che è stato tolto alla Gesip assieme alla custodia dei sottopassi. L'intervento di domani avverrà su base volontaria e fuori dall'orario di servizio per tenere accesi i riflettori sulla vicenda. Ad organizzare l'iniziativa sono i sindacati Uiltucs Uil, Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Ugl, Alba, Cisal, Conflavoratori e Fiadel. La prossima settimana, il 12 aprile, sempre alle 16 è prevista la pulizia del litorale di Barcarello. Il 14 aprile, alle 10,30, sarà invece la volta del confronto con i candidati a sindaco. Al Cinema Marconi di via Cuba, traversa di corso Calatafimi, giornalisti e sindacati incalzeranno i candidati sulle soluzioni per risolvere la vertenza Gesip e sui relativi programmi.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da Campofiorito, vede disegno della figlia in tv e dà sue notizie: "Sto bene"

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • L'agguato con la pistola e la rapina in mezzo al traffico, arrestato diciassettenne

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

Torna su
PalermoToday è in caricamento