5 Stelle: "Lancitedde di Sferracavallo beni di interesse culturale"

Le piccole imbarcazioni marine tipiche del paesaggio costiero della borgata, al centro di una mozione (e due atti parlamentari) a firma della deputata grillina Claudia La Rocca: "La loro tutela potrebbe contribuire anche alla riqualificazione turistica del litorale"

“Dichiarare le Lancitedde di Sferracavallo beni di interesse culturale”. Lo chiede la deputata del Movimento 5 Stelle del Palermitano Claudia La Rocca che, a seguito di un incontro con i cittadini del comitato di Sferracavallo, ha depositato due atti parlamentari all’Ars, una mozione ed una interpellanza, oltre ad inviare una nota al sindaco Orlando.
 
Le “Lancitedde” sono piccole imbarcazioni marine tipiche del paesaggio costiero della borgata palermitana e vengono realizzate ancora in legno dai mastri “Conzavarchi”, che di padre in figlio si tramandano quest’arte antica. Queste imbarcazioni, ad oggi, non sono registrate in alcun albo o registro. Il codice dei Beni culturali e del paesaggio prevede che la richiesta possa essere avanzata su motivata richiesta dalla Regione o altro ente territoriale interessato.
 
“Mi auguro venga accolta l’istanza – dichiara la parlamentare Cinquestelle La Rocca – al fine di tutelare e riconoscere il valore culturale delle Lancitedde. La loro tutela, inoltre, potrebbe contribuire anche alla riqualificazione turistica e paesaggistica del litorale di Sferracavallo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento