"Ismett? Parametri sopra la media nazionale": parola del ministro Lorenzin

Il ministro della Salute ha partecipato in collegamento via Skype a un convegno organizzato all'Istituto Mediterraneo per i Trapianti

Il ministro Beatrice Lorenzin

"L'Ismett ha tutti i parametri di centro di cura e ricerca al di sopra della media nazionale". A parlare è il ministro della Salute Beatrice Lorenzin intervenendo in collegamento via Skype ad un convegno organizzato all'Istituto Mediterraneo per i Trapianti di Palermo.

Il ministro oggi doveva essere in città per prendere parte all’incontro: “Irccs Ismett: sfide e opportunità per la cura e la ricerca delle insufficienze terminali d’organo”, ma impegni istituzionali dell’ultima ora le hanno consentito di partecipare solo in videoconferenza. "Il Sud può e deve avere strutture come queste - ha detto Lorenzin -. Non c'è nessuna differenza rispetto al resto del Paese. Occorre però che questa struttura trovi, insieme alla Regione, un equilibrio per integrarsi nella rete della Sicilia. Questo perchè quello che spesso manca è il far sistema. Su questo dobbiamo lavorare. Per dimostrare come la Sicilia possa puntare sui centri d'eccellenza".

L’Ismett è l’ultimo nato fra i 42 Irccs italiani, a firmare il decreto poco più di un anno fa proprio il ministro Lorenzin. Al momento, sono 69 i progetti di ricerca attivi presso Ismett. Il dipartimento Attività Produttive della Regione Siciliana lo ha classificato al terzo posto tra le infrastrutture di ricerca nel Programma Nazionale delle Infrastrutture di Ricerca. “Questa giornata serve a fare il punto su quanto la Sicilia ha fatto in questi anni in materia di sanità e ricerca – ha sottolineato il presidente della Regione, Rosario Crocetta – ritengo sia estremamente importante fermarsi a riflettere. Spesso la Sicilia è additata per le sue mancanze ma come Regione abbiamo anche delle eccellenze. Ismett  ad esempio, è un centro che attrae pazienti da tutta Italia ma anche da altre nazioni del mondo. Tre anni fa la sanità siciliana era in passivo, oggi possiamo parlare di un bilancio positivo”.
 
Grazie ai suoi progetti di ricerca, sviluppo e formazione Ismett, ha, già, creato 125 nuovi posti di lavoro, subordinati e parasubordinati. L’età media di coloro che ha ottenuto un contratto di ricerca in Ismett è di 32 anni. Nel 60 per cento dei casi si tratta di donne, nell’88 per cento dei casi, inoltre, si tratta di giovani che hanno studiato in Sicilia. Di questi il 6 per cento, aveva lasciato l’Isola ed è tornato per lavorare in Ismett.
 
“Siamo solo recentemente entrati a far parte dell’elenco Irccs – spiega Angelo Luca, direttore di Ismett – al momento siamo l’Istituto di Ricerca più piccolo ma vogliamo dare il nostro contributo per far crescere il sistema di ricerca italiano. Speriamo che l’integrazione con la Fondazione Ri.MED e la nascita del Centro di Biotecnologie sia utile per consentire al nostro Istituto di poter competere con le strutture del Nord Italia”.
 
Presso Ismett, sono stati eseguiti oltre 1600 trapianti di fegato, rene, cuore, polmone, pancreas in adulti e bambini provenienti non solo dalla Sicilia ma anche da altre regioni Italiane e dall’estero. I risultati, riportati dal Centro Nazionale Trapianti, sono a livello dei migliori centri nazionali e internazionali. “Da Ismett, – ha detto Baldo Gucciardi, assessore regionale della Salute – deve partire un meccanismo virtuoso per elevare gli standard di eccellenza. Ismett, non deve essere una cattedrale nel deserto ma deve far parte della rete per migliorare la rete sanitaria siciliana. In questi anni abbiamo lavorato molto nell’ottica del miglioramento dei costi e degli standard qualitativi. Non tollero più la Sicilia dei luoghi comuni che non riconosce quanto fatto anche dai governi precedenti, come ad esempio Ismett. Dobbiamo riconoscere anche i meriti, siamo fra le poche regioni che si sono allineate al pareggio di bilancio, siamo ai primi posti per l’abbattimento della spesa farmaceutica. Non possiamo considerare la Sicilia sempre un problema ma riconoscere anche il lavoro svolto”.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento