L'Ismett compie 20 anni e "festeggia" con nuovi spazi di Cardiochirurgia e Pediatria

L'investimento complessivo è di 17,5 milioni di euro. Il progetto è diviso in tre lotti funzionali, ciascuno completamente autonomo. Taglio del nastro per il "Centro cuore". Il ministro Lorenzin: "Centro di eccellenza"

Foto archivio

L'Ismett - Istituto Mediterraneo per i Trapianti e terapie ad alta specializzazione, con sede a Palermo, festeggia i primi vent'anni di attività inaugurando il nuovo "Centro cuore", i nuovi spazi di cardiochirurgia e chirurgia pediatrica. Una cerimonia si è tenuta alla presenza, tra gli altri, dell'assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi, e del presidente della Regione, Rosario Crocetta. Collegata in videoconferenza Beatrice Lorenzin, ministro della Salute: "E' l'unico Irccs che ho riconosciuto in questi quattro anni di attività di ministro, riconoscendone l'attività di eccellenza". "L'Ismett - ha aggiunto - è un elemento di vanto a livello internazionale".

I nuovi spazi, realizzati grazie a un progetto PO FESR 2007-2013, sono costati complessivamente 17,5 milioni di euro, di cui 6,5 circa con cofinanziamento regionale e 400.0000 euro da fondi di bilancio Ismett. I lavori sono iniziati nel 2012. Il progetto generale, come reso noto nel corso della cerimonia, è stato suddiviso in 3 lotti funzionali, ciascuno completamente autonomo. I tre lotti di costruzione, pur essendo distinti, si integrano completamente, costituendo un complesso unico armonico e molto funzionale. A questi si aggiunge il lotto 4, che riguarda la sola fornitura di apparecchiature mediche altamente specialistiche e in particolare un avanzato sistema di monitoraggio dei parametri vitali e un'apparecchiatura digitale per la telepatologia e altre apparecchiature. Per collegare i nuovi spazi con l'edificio principale di Ismett è stato realizzato un ponte di collegamento che potrà essere utilizzato per il transito dei pazienti, anche allettati, e dello staff. Nell'ala sud è ubicata la nuova area dedicata alla Chirurgia pediatrica addominale. Il nuovo dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un'area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche una per i pazienti ricoverati e l'altra per i pazienti ambulatoriali, una medicheria, oltre a uffici e servizi generali di reparto. Nell'ala nord una degenza adulti con 23 posti letto (11 stanze di degenza doppie ed una singola), soggiorno, medicheria, uffici e servizi generali di reparto. Dal primo trapianto di fegato in Sicilia nel 1999, all'Ismett sono stati effettuati oltre 1.900 trapianti di cui 207 trapianti pediatrici e oltre 300 da donatore vivente, di fegato e rene. Anche i posti letto nel corso degli anni sono aumentati arrivando agli attuali 114 rispetto ai 20 posti di quando Ismett Irccs è nato, grazie ad una partnership tra la Regione siciliana e Upmc - University of Pittsburgh Medical Center.

Ogni anno oltre un terzo dei pazienti viene ricoverato in modalità d'urgenza, circa il 18% viene trasferito da altri ospedali, il 4,5% viene da fuori regione e l'1,5% sono pazienti internazionali. Nel corso di questi primi venti anni l'Ismett si è accreditato come centro di eccellenza nel settore dei trapianti ed è diventato punto di riferimento nel bacino del Mediterraneo, ricevendo nel 2014, dal ministro della Salute, l'accreditamento come Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Fonte Italpress)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

Torna su
PalermoToday è in caricamento