Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al Foro Italico sventolano le bandiere palestinesi: "Ecco il lungomare Yasser Arafat" | VIDEO

Un albero di ulivo e una targa intitolata al Nobel per la Pace. La cerimonia, in prossimità del porticciolo di Sant'Erasmo, si è svolta alla presenza del sindaco Orlando e di Nasser Al-Kidwa, nipote di Yasser Arafat. Sulle polemiche sollevate dal consigliere Gelarda: "Palermo veicolo di pace, facciamo di tutto perché i diversi possano vivere insieme"

 

Da oggi un tratto del Foro Italico di Palermo porterà il nome di Yasser Arafat, premio Nobel per la Pace. La cerimonia di intitolazione si è svolta questa mattina al Foro Umberto I alla presenza del sindaco Leoluca Orlando, degli assessori Adham Darawsha, Giusto Catania, Roberto D'Agostino, Giovanna Marano e Maria Prestigiacomo, di alcuni consiglieri comunali e di circoscrizione. Sono intervenuti, inoltre, Nasser Al-Kidwa, nipote di Yasser Arafat e presidente della Yasser Arafat Foundation (YAF), Fatima Baroudi, console generale del Marocco, Fateh Hamdan, rappresentante della Comunità palestinese in Sicilia e il presidente della Consulta delle Culture, Ibrahima Kobena.

L'iniziativa è stata promossa dal Comune di Palermo, dalla Rete Palermitana di Solidarietà “Con la Palestina nel Cuore” e da CISS - Cooperazione Internazionale Sud Sud, e si inserisce tra quelle organizzate in Città per rimettere al centro dell'attenzione i diritti del Popolo palestinese.

"Palermo - ha dichiarato il sindaco Orlando - nel 1996 ha intitolato una via della Città al Premio Nobel Yitzhak Rabin, ucciso nel 1995, e oggi un piazzale sul lungomare a Yasser Arafat, che con Rabin ha condiviso il Premio Nobel. Gli accordi di Oslo - ha continuato il primo cittadino - si devono al loro coraggio perché hanno compreso che la pace può superare e supera vecchie inimicizie tra i popoli. Sarebbe importante, e io nutro speranza - ha concluso Orlando - che si possa tornare allo spirito di Oslo e ad una duratura pace tra i popoli”.

Grande apprezzamento è stato espresso da Nasser Al-Kidwa. "E' indicativo - ha dichiarato - che una Città come Palermo abbia scelto di onorare un posto così bello con il nome di Yasser Arafat, come simbolo di pace nel Medio Oriente e di riconciliazione tra due popoli: quello israeliano e quello palestinese".

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento