Brancaccio, scritte contro il consigliere Terrani: "Minacce per quei campetti tolti al degrado"

Il capogruppo a Sala delle Lapidi del Mov139 non ha dubbi: "Il gesto è legato al recupero dell'area verde che si trova a piazzale Anita Garibaldi". L'intimidazione a due passi da dove è stato ucciso padre Puglisi. "Il cambiamento culturale dà fastidio"

Una delle scritte comparse in piazza Anita Garibaldi

Le scritte - dal carattere inequivocabile - sono comparse sulla saracinesca dell'associazione "Il Girasole" e sul muretto dell'area attrezzata polivalente di piazza Anita Garibaldi, a Brancaccio. Il destinatario di quella che può essere considerata un'intimidazione, o quanto meno un avvertimento minaccioso, è il capogruppo a Sala delle Lapidi del Movimento 139 Sandro Terrani. Contro il consigliere, che si è battuto per recuperare l'area verde di proprietà del Comune (dove sono stati realizzazi campi di calcetto, basket e giochi per bambini), si è scagliato chi vuole che Brancaccio resti una periferia degradata.

Sandro Terrani-2E lì, a pochi passi dal luogo in cui è stato ucciso padre Pino Puglisi, si è consumato l'atto intimidatorio. Terrani non ha dubbi: "Si tratta di un gesto vile, legato al recupero di un bene che il Comune ha sottratto al degrado per metterlo a disposizione di tutta la comunità. Evidentemente il cambio culturale dà fastidio a qualcuno". 

Già la scorsa settimana, dopo che gli operai del Coime erano intervenuti per rendere l'area accessibile ai più piccoli, si sono verificati i primi atti di vandalismo: il cancello è stato scardinato e sono stati distrutti cestini e arredi urbani vari. "Si è resa necessaria la chiusura momentanea dello spazio, che il Comune ha assegnato all'associazione 'Cuore che vede'. Abbiamo ritardato la consegna, che sarà comunque effettuata a breve" ha annunciato Terrani, che non ha nascosto "lo sconforto per quanto accaduto". Dopo aver avvertito la Digos, in mattinata il consigliere comunale sporgerà denuncia in questura. 

"Chiederò personalmente all'amministrazione comunale che venga installato un sistema di videosorveglianza - ha concluso Terrani -. L'area comunque sarà vigilata mattina e pomeriggio da personale ex Pip che lavora per l'associazione 'Cuore che vede'. Continueremo a lavorare per Brancaccio, perché Palermo è anche periferia e l'amministrazione Orlando sta dimostrando attenzione verso il quartiere".

Caracausi: "Terrani non si farà fermare"

Minacce a Terrani (1)-2"Solidarietà a Sandro Terrani per il vile atto intimidatorio" è arrivata dai consiglieri del Pd Dario Chinnici, Francesco Bertolino, Carlo Di Pisa, Rosario Arcoleo e Giovanni Lo Cascio. "Un gesto - hanno sottolineato gli espoenti dem - che condanniamo fermamente e che siamo sicuri non fermerà Sandro nell'azione di cambiamento che sta portando avanti. Sandro non si farà certo intimidiere e con il sostegno nostro e di tutto il Consiglio comunale continuereremo quelle azioni di risanamento di cui la città ha bisogno".  

“Il gruppo Palermo 2022 esprime solidarietà al collega e capogruppo del Movimento 139 Sandro Terrani per le frasi ingiuriose comparse sul muretto del campetto di calcio e sulla saracinesca dell’associazione ‘Il Girasole’”. Lo dicono i consiglieri comunali Antonino Sala e Massimiliano Giaconia. “Questi gesti non vanno sottovalutati, bisogna tenere sempre alta la guardia - aggiungono -. Siamo sicuri che Sandro non si lascerà scoraggiare e porterà avanti il suo impegno per rilanciare il quartiere di Settacannoli e risanare questa città”.

"Esprimiamo solidarietà e sostegno al consigliere comunale Sandro Terrani - affermano i consiglieri di Sinistra Comune Giusto Catania, Barbara Evola, Katia Orlando e Marcello Susinno. Le intimidazioni ricevute non  disinnescheranno il processo di cambiamento intrapreso da Terrani nella zona di Settecannoli. Auspichiamo che il percorso aperto nel quartiere con  l'associazione "il Girasole"  prosegua e che le strutture danneggiate in piazza Anita Garibaldi vengano ripristinate in tempi rapidi".

Il sindaco Leoluca Orlando esprime "a nome di tutta la Giunta comunale" la piena solidarietà a Sandro Terrani, oggetto di scritte ingiuriose lasciate su alcuni muri di Brancaccio e davanti l'Associazione "Il Girasole". "Il cambiamento culturale in atto a Palermo - afferma Orlando - non può non trovare resistenza e opposizione da quella parte della città che sente venir meno la possibilità di controllare territorio e persone. Il recupero di spazi e la loro fruibilità per attività sociali, sportive e culturali, è, per chi vorrebbe mantenere il giogo sul collo dei palermitani, un affronto e per questo il lavoro svolto da Sandro Terrani e tanti altri nella seconda circoscrizione è 'fastidioso'. Un motivo in più per proseguire nel cammino intrapreso, certi del fatto che Sandro non lascerà che comportamenti incivili o intimidatori condizionino il suo lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Stress? Rabbia? Arriva a Palermo la Rage Room, la stanza dove puoi spaccare tutto

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento