Delicato intervento al cuore, 50enne salvato: "Grazie ai medici palermitani"

"Grazie, la Sicilia non è solo malasanità": un uomo originario di Licata ha scritto una lettera per sottolineare "la straordinaria professionalità dello staff del Maria Eleonora Hospital di Palermo" che gli ha salvato la vita

"Oggi mi ritrovo a casa, sto perfettamente bene grazie alla professionalità indiscussa dei medici di Palermo ". A parlare è un cinquantenne originario di Licata, Angelo Incorvaia, che ha diffuso una lettera ai vertici dell'azienda sanitarie di Agrigento e Palermo. L'uomo è stato sottoposto ad un delicato intervento cardiaco durato più di sei ore. “Poi mi sono risvegliato e mi sono sentito un’altra persona”, scrive Incorvaia, che plaude alla straordinaria professionalità dello staff del Maria Eleonora Hospital di Palermo.

Il cinquantenne - dopo essere stato prima ricoverato ad Agrigento - è stato poi trasferito in elisoccorso nel capoluogo, nella struttura sanitaria di viale Regione. Qui è stato "rimesso in sesto". Perché in fondo Sicilia non è solo “malasanità”, precarietà e viaggi della speranza. Sicilia è anche buona sanità. E ciò è testimoniato da coloro che in prima persona hanno vissuto un'esperienza positiva, tanto buona da ritenere opportuno e doveroso ringraziare pubblicamente coloro che si sono prodigati nell’ottima prestazione sanitaria.

Angelo Incorvaia ringrazia il medico Emerico Ballo, il secondo operatore Giuseppe Di Modica, l’anestesista Gianluca Pugliese e tutta l’equipe. “Straordinari medici – sottolinea – che ogni giorno salvano tante vite umane”. Incorvaia conclude: “Oggi mi ritrovo a casa, sto perfettamente bene grazie alla professionalità indiscussa prima dei medici di Palermo e poi di quelli di Agrigento. Mi preme sottolineare che non sempre, come purtroppo sostiene qualcuno, il miglior medico per un siciliano è un aereo per il nord Italia. Io ho preso un elicottero non per raggiungere Roma o Milano ma semplicemente il nostro capoluogo siciliano. Da lì sono tornato con i miei piedi, con le mie forze, con il mio stato d’animo totalmente cambiato che mi lascia guardare al futuro con un certo ottimismo. Un sincero e profondo grazie ai medici di Palermo e di Agrigento”.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di Tony
    Tony

    E" proprio vero.sono stato operato di ablazione Criogena dopo 10 minuti mi sono sentito un leone .non ho sentito niente e la degenza e' stata straordinaria.sottolineo che tutti anche gli infermieri sono stati meravigliosi un caro ringraziamento al dott ballo per come mi ha aiutato.grazie Picci.

  • Beh insomma...la clinica maria Eleonora è una eccellenza assoluta nel campo della cardiologia. Avendo mio padre in cura da anni alla clinica in questione, ne ho testimonianza diretta.

  • Auguri!

  • Un plauso a tutta l'équipe. Da dire che le vittorie hanno sempre tanti padri, mentre le sconfitte sono sempre orfane.

  • Avatar anonimo di ilTafano
    ilTafano

    Hanno fatto quello per cui sono stati pagati. Gli elogi mi sembrano eccessivi e fuori luogo

  • Tanti auguri!!!grazie a questi medici !!

  • Avatar anonimo di Dario
    Dario

    No, Sicilia non è sinonimo di mala sanità, a Palermo forse ma dubito in tutta la Sicilia, saremo terroni per molti del nord ma quando c'e da mettere le palle nel lavoro ci stinguiamo dalla massa avendo le stesse qualifiche, perché noi quando ci dedichiamo al lavoro li facciamo come si deve e lasciamo pure profumo, chi non fa così è perché il lavoro non lo ama ma se non lo ama di sicuro manco lavora, poi ovunque, anche al Nord come bravura ci sono sempre le eccezioni, Infondo siamo tutti italiani.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il camionista palermitano che sognava una strage in nome dell'Isis: convalidato il fermo

  • Economia

    Reddito di cittadinanza, provincia di Palermo sul podio nazionale: accolte 26.204 istanze

  • Cronaca

    "Calmi, nessuno si farà male": con le tute da imbianchino e la pistola rapinano Carrefour

  • Cronaca

    Villabate, furto in chiesa durante la Settimana Santa: rubati il pc del parroco e le offerte

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Tragico incidente in auto, morto ragazzo palermitano di 20 anni

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

Torna su
PalermoToday è in caricamento