Smog davanti alle scuole, il Comune corre ai ripari: "Più vigili nei punti critici"

Secondo Greenpeace nel capoluogo siciliano si registrano concentrazioni di biossido di azoto al di sopra della soglia stabilita Oms nei pressi di 9 scuole su 10. A Palazzo delle Aquile vertice tra Comune, polizia municipale, Asp e società comunali per discutere del problema inquinamento

Foto archivio

Lo scorso 29 gennaio Greenpeace aveva lanciato l'allarme smog nelle città italiane e, in particolare a Milano, Torino, Roma e Palermo. Nel capoluogo siciliano secondo i dati dell'associazione ambientalista si registrano concentrazioni di biossido di azoto (NO2) al di sopra della soglia stabilita Oms nei pressi di nove scuole su dieci all'orario della prima campana. Oggi a Palazzo delle Aquile si è fatto il punto della situazione. Al vertice hanno partecipato il sindaco Leoluca Orlando, gli assessori Sergio Marino, Iolanda Riolo e Giovanna Marano e i rappresentanti di Arpa Sicilia, Asp, della facoltà di Ingegneria, i dirigenti dei servizi Ambiente e del Piano del Traffico, rappresentanti della polizia municipale e, Amap, Rap e Amg.

Marano, Riolo e Marino hanno sottolineato “l'opportunità di avviare programmi di sensibilizzazione e stimolo all'uso di mezzi di trasporto dolce per gli studenti, oltre che iniziative per favorire la mobilità a piedi sui percorsi brevi". La polizia municipale ha invece ribadito l'impegno "all'incremento dei controlli in prossimità di punti sensibili quali scuole e ospedali al fine di limitare ingorghi e rallentamenti della circolazione".

Escluso invece, per il momento, il ricorso a provvedimenti di tipo emergenziale "anche se certamente - ha detto Orlando - è indispensabile che a livello nazionale e regionale si avvii una riflessione sulla limitazione alla circolazione dei veicoli più inquinanti, con una politica di incentivi e aiuti per coloro che vorranno dismetterli".

Nel corso dell'incontro sono stati anche presi in esame i dati registrati dalle centraline posizionate in città. Secondo quanto reso noto nel 2017 si sono verificati 24 sforamenti dei limiti di Pm10 (il limite di legge è di 35). "Un dato - afferma il sindaco Leoluca Orlando - che è in linea con le rilevazioni indipendenti circa il traffico, che confermano il miglioramento della situazione cittadina, con i primi effetti visibili dell'entrata in servizio del Tram, della Ztl e dell'aumento dell'offerta di mobilità dolce e sostenibile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il riferimento del sindaco è all'indice del traffico cittadino a livello globale, diffuso dalla società Inrix nei giorni scorsi e che ha registrato per Palermo, unica grande città italiana ad avere un significativo miglioramento, un passaggio dalla posizione 216 alla posizione 305 fra le città in cui è maggiore la congestione del traffico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Mercatini, spiagge e pulizia delle strade: ecco il lavoro per i percettori del reddito di cittadinanza

Torna su
PalermoToday è in caricamento